Serata decisiva per le italiane in Europa League: le dichiarazioni di Montella, Inzaghi e Gasperini!

Stasera andrà in scena la 5^ giornata dei gironi di Europa League. La Lazio di Inzaghi è già aritmeticamente qualificata ai sedicesimi e giocherà le due restanti gare solo per onor di firma. Milan e Atalanta invece sono ad un passo dal raggiungere il tabellone dei sedicesimi e già stasera potrebbe esserci la certezza matematica. Ecco le dichiarazioni di coloro che saranno i protagonisti in panchina:

VINCENZO MONTELLA

L’EuropaE’ la casa del Milan e ci teniamo a passare il turno. Dobbiamo farlo con una giornata d’anticipo, ci sono esempi di squadre che non ci riescono. È il primo obiettivo stagionale. Abbiamo bisogno di fare la partita, vincerla perché teniamo all’Europa e siamo il Milan.
Penso che il Milan debba fare il Milan. Non ci può bastare una buona partita contro un avversario di grandissimo livello. Non ci può bastare, dobbiamo giocare da Milan per arrivare agli obiettivi. A volte si passa anche dalle sconfitte. Noi ora giochiamo con quelle che ci stanno dietro in classifica, ma non ci sono partite facili. Sono fiducioso perché dipende più che mai da noi. Le avversarie sono difficili, ma alla nostra portata

Sulla fase offensiva: “Dobbiamo tornare ad esser Milan anche li. Siamo migliorati dietro, ma davanti dobbiamo esser più veloci e non sbagliare la scelta finale e i tiri. Tiriamo molto, le punte vanno servite meglio”.

SIMONE INZAGHI

Abbiamo preso atto di aver perso il derby, niente alibi, dobbiamo trasformare questa delusione in rabbia agonistica e cattiveria per far sì di ripartire subito, come era successo contro il Napoli. Indipendentemente dall’ultima sconfitta, il percorso rimane ottimo ma sono passati solo quattro mesi e dobbiamo metterci alle spalle questa sfida. Il Vitesse? Voglio vedere una squadra che entra in campo bene, sin dalla prima partita in Olanda ho cambiato spesso e non ho bisogno di ulteriori risposte. Dovremo cercare di fare una buona partita in vista della gara contro la Fiorentina. Nani? Sta lavorando molto bene e si sta calando nella nostra realtà, sta provando a darci una mano e sarà un’arma molto molto importante per noi

GIAMPIERO GASPERINI!

Questo è un girone dove i margini di recupero sono bassi. Chi parte bene ha grande vantaggio, chi inizia male ha difficoltà di recuperare. La prima con l’Everton è stata importante. Più di tutte, che ci ha permesso così, è l’Everton che è stata una sorpresa in negativo. Sulle risposte dei singoli. Dobbiamo fare un’ottima prestazione, come abbiamo quasi sempre fatto. Dovremo fare il punto senza il risultato di Lione, dobbiamo farne uno. Per arrivare primi dobbiamo pensare a quella decisiva con il Lione, questo è aritmetico. Vorremmo arrivarci con le nostre forze. Per noi la qualificazione è importante, all’inizio della competizione. Siamo lì vicino e bisogna chiuderlo. Non ho mai messo come alibi il doppio appuntamento, che sia una giustificazione per il campionato. Sono due competizioni diverse. In EL siamo partiti molto bene, indubbiamente in campionato abbiamo fatto buone prestazioni, ma c’è stato un rendimento un po’ altalenante.