Torino-Parma 1-2 : analisi del match. Gervinho devastante!

TORINO-PARMA 1-2

Un Parma offensivo, partito col tridente in attacco, doma il toro ed espugna meritatamente l’Olimpico di Torino con una partita gagliarda. Bel regalo al neo presidente Pizzarotti.

PRIMO TEMPO

Avvio scoppiettante del Parma che già dopo 5 minuti avvia un rapido contropiede ma Grassi s’impappina al momento del passaggio finale, subito dopo destro pericoloso di Gervinho deviato in corner. Al 9′ Parma in gol : N’Koulou e Izzo “si pestano i piedi” in aria e Gervinho che ha seguito l’azione beffa Sirigu con un tocco ravvicinato. Prova subito la reazione il toro con Belotti che da pochi passi sbaglia il tap in spedendo la palla sopra la traversa. Il Torino fatica a trovare varchi nella difesa degli intraprendenti ducali che al minuto 25 con una fantastica azione tutta di prima, sviluppata sul fronte sinistro dell’attacco, vanno al raddoppio: Gagliolo serve un assist a Inglese che con un tocco delizioso di punta insacca sotto la traversa. Il Parma sembra in totale controllo della partita. Alla mezz’ora grande parata di Sirigu su tiro dal limite di Biabiany dopo un contropiede ben orchestrato. Improvvisamente si risveglia il Torino e al 37′ destro chirurgico di Baselli dal limite che si insacca alla sinistra di un incolpevole Sepe. Ancora al 42′ assist di Belotti per De Silvestri che in scivolata sul secondo palo spedisce fuori, buona occasione.

SECONDO TEMPO

Parte a testa bassa il toro che non ci sta a perdere e solo dopo 3 minuti Mazzarri mette dentro Zaza al posto di Djidji per dare maggior peso in attacco. Al 54′ contropiede Parma, Gervinho ruba palla sulla propria trequarti e dopo aver percorso mezzo campo serve un assist a Inglese che, tutto solo, centra la traversa mettendo i brividi ai granata. Nuovo cambio nel Torino, dentro Berenguer e fuori Soriano, il tecnico toscano le prova tutte per riacciuffare il match. Il toro comprime il Parma nella propria trequarti producendo il massimo sforzo con azioni tambureggianti, e i ducali faticano a contenere, affidandosi alle iniziative del pungente Gervinho che al 71′ prova a sorprendere Sirigu con un eurogol : colpo sotto dalla distanza alto di pochissimo. La partita prosegue sullo stesso canovaccio ma nulla cambia più fino al termine dopo 4′ di recupero.