Serie A, Spal-Cagliari 2-2: analisi del match. Pavoletti e Ionita firmano la rimonta!

SPAL-CAGLIARI 2-2

Partita bellissima al Mazza, in cui Spal è Cagliari si dividono la posta in palio. I padroni di casa si portano sul doppio vantaggio ma un black-out di 5 minuti dei ragazzi di Semplici riporta i sardi in parità nella ripresa.

PRIMO TEMPO

Passano 3 minuti dal fischio d’inizio e la Spal è già in vantaggio: Petagna colpisce di testa su cross di Lazzari e la deviazione di Srna spiazza Cragno. Il Cagliari prova a reagire con il tiro dalla distanza di Ionita, para Gomis. Petagna sfiora la doppietta con una conclusione dall’interno dell’area, ma Cragno tiene in partita i suoi. Joao Pedro ci prova con un destro potente ma non preciso, poi Pavoletti da due passi si mangia il possibile pareggio non arrivando su una sponda di Romagna. La Spal torna all’attacco ed il diagonale di Lazzari da posizione defilata termina largo.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa scende in campo con più convinzione il Cagliari. Joao Pedro di testa manda alto da buona posizione su cross di Padoin. A trovare il gol tuttavia sono ancora gli estensi: Lazzari al 71′ mette una gran palla al centro per Antenucci, che è bravissimo ad eludere l’intervento di Srna e a depositare la palla in rete. La reazione dei sardi è immediata: al 73′ corner battuto da Srna e Pavoletti con uno stacco imperioso accorcia le distanze. La squadra di Maran è sulle ali dell’entusiasmo e al 76′ trova anche il pareggio con una bella giocata di Ionita in area. Le occasioni fioccano da una parte e dall’altra: Joao Pedro con un tiro da fuori deviato rischia di beffare Gomis, Lazzari calcia a lato dopo un rapido contropiede. Queste sono anche le ultime occasioni del match, che termina così sul risultato di 2-2.