Mondiali 2018, Polonia-Senegal 1-2: le pagelle. Cionek sfortunato, Niang rapace

Dopo la vittoria del Giappone sulla Colombia, altra sorpresa che arriva dal Girone H dei Mondiali in Russia. Il match tra Senegal e Polonia si è infatti concluso con la vittoria degli Africani per 2-1 grazie all’autogol di Cionek e la rete di Niang. Inutile il 2-1 di Krychowiak all’86. Andiamo dunque a vedere le pagelle del match.

Le pagelle

POLONIA:

Szczeszny 5.5; Pisczek 5, Cionek 5.5, Pazdan 6, Rybus 6, Blaszcykowki 5 (Dal 46′ Bednarek 5), Krychowiak 5.5, Zielinski 5; Grosicki 5.5, Milik 5 (Dal 73′ Kownacki 6), Lewandowski 4.5

SENEGAL:

N’diaye 6; Wague 6.5, Koulibaly 6.5, Sanè 6.5, Sabaly 6; Ndiaye 6, Gueye 7 (Dal 63′ Ndoye 6), Manè 6, Sarr 6.5; Diouf 6.5, Niang 7.5.

Top e flop

TOP

Niang 7.5: Ma siamo sicuri che è lo stesso Niang che ha giocato a Torino? A noi non sembra proprio. Si sacrifica in fase di non possesso, corre su e giù per tutto il campo, da una sua idea nasce il gol dello 0-1 e sigla lo 0-2 da vero rapace. Avrebbe potuto fare di più se nel primo tempo non avesse fallito clamorosamente il possibile vantaggio sotto porta quando si era ancora sullo 0-0. Ma per questa volta lo perdoniamo.

Gueye 7: Fortunato nel trovare lo 0-1 grazie alla deviazione di Cionek, ma fa un lavoro di sacrificio enorme. E’ instancabile, lo si trova ovunque, la Polonia a centrocampo è domata dalla forza del giocatore dell’Everton. Chapeau.

Sanè 6.5: Il difensore dell’Hannover è una macchina da guerra. Fa venire gli incubi ad un certo Robert Lewandowski, che si arrende anche un po’ alla ruvidità del centrale senegalese. Con Koulibaly fanno paura, se restano compatti possono formare una delle migliori coppie difensive del Mondiale.

FLOP

La Polonia 5: Non ci sentiamo di dare colpa a nessuno in particolare, anche se c’è chi ha più colpe e chi meno. La squadra non gira come dovrebbe per i talenti che ha. Ora c’è bisogno del riscatto. Il centrocampo sbaglia tanto, l’attacco è inesistente. La difesa risente della mancanza di Glik, ma rimane comunque il reparto da salvare.