Russia 2018, Libero apre: “Arbitri non da Mondiale. La furia di Serbia e Svezia”

L'apertura di Libero riguardante questo inizio di Mondiali in cui il VAR non è venuto in aiuto del direttore di gara. La furia di Serbia e Svezia

Ma il VAR non avrebbe dovuto aiutare?

Non è solamente un problema in Serie A. Anche in questa prima fase eliminatoria del Mondiale 2018, non sono mancate le polemiche arbitrali circa una condotta da parte dei direttori di gara di certo non eccellente. Rigori non dati, cartellini rossi non comminati, scelte sbagliate, il tutto mentre in sala VAR i supervisori avevano un quadro più completo della situazione, in quanto muniti di monitor, potevano rivedere l’azione a loro piacimento, in modo da venire in aiuto all’arbitro in campo. Benché alcune decisioni siano state prese grazie all’intervento del VAR, altre volte l’ausilio della tecnologia è stato ignorato, con l’arbitro in campo che non è stato chiamato a revisionare l’azione. Talvolta è stato davvero clamoroso, ma in particolare sono state due le Nazionali che hanno lamentato questa cosa. Le due squadre sono la Svezia e la Serbia.

C.t. Serbia: “Arbitro Brych lo manderei all’AIA”

Furibondo l’altra sera il C.t. della Serbia Mladen Krtajic il quale polemicamente si è presentato in sala stampa affermando le seguenti considerazioni: “Questa è giustizia selettiva, che punisce solamente i serbi. Prima il maledetto Tribunale internazionale penale dell’Aja, oggi nel calcio il VAR.” Ha di ché lamentarsi il C.t. serbo, in quanto alla sua Nazionale non è stato concesso un calcio di rigore clamoroso contro la Svizzera. Da recriminare ha anche la Svezia nella gara che opponeva gli scandinavi alla Germania. In quel match contro i tedeschi non è stato assegnato un penalty con conseguente cartellino rosso a Boateng nel corso del primo tempo (poi espulso all’84’). Insomma, il VAR in questi casi dov’era? Com’è possibile non notare certi episodi? Sono le stesse domande che ci ponevamo durante il campionato di Serie A. Ed è anche il titolo di apertura alla sezione dedicata allo sport del quotidiano Libero: “Arbitri non da Mondiale. La Serbia presenta reclamo alla Fifa per il rigore non concesso nella partita con la Svizzera. La Svezia s’infuria per il mancato penalty e conseguente rosso a Boateng con i tedeschi. La moviola in campo c’è, però non la usano”. E’ evidente che bisogna sistemare qualcosa, per riconsegnare una seppur minima aurea di veridicità a questo Mondiale.