Roma, alla ricerca della forma perfetta: come sarà il nuovo centrocampo?

Roma centrocampo / Fino a questo momento, la Roma è sicuramente una delle regine di inizio mercato. Nonostante non sia ancora ufficialmente iniziata, questa sessione estiva di trasferimenti ha già visto tre novità nella rosa giallorossa: il difensore Marcano ed i centrocampisti Coric e, fresco fresco, Bryan Cristante.

I due giocatori difficilmente partiranno davanti nelle gerarchie di Di Francesco, ma in questi mesi qualcosa potrebbe cambiare. Scopriamo come.

L’arrivo di Cristante spinge Strootman all’addio?

Premettendo che Di Francesco rimanga fedele al suo 4-3-3 anche nella prossima stagione, il centrocampo della Roma ha spazio per tre centrocampisti (un mediano e due mezze ali).

Il mediano, con compiti di regia, rimane Daniele De Rossi, con prima alternativa Maxime Gonalons. Il centrocampista azzurro è l’uomo che detta i tempi della squadra e che, nei momenti cruciali, si prende in mano la squadra (vedi il rigore del provvisorio 2-0 al Barcellona).

Le mezze ali titolari dell’ultima stagione sono state Nainggolan e Strootman, ma Pellegrini ha trovato moltissimo spazio come prima alternativa. In questa nuova stagione, Cristante cercherà di ritagliarsi altrettanto spazio, mettendo le basi per un nuovo centrocampo completamente azzurro.

Non è da escludersi, di conseguenza, un addio eccellente lì in mezzo. Potrebbe trattarsi proprio dell’olandese, che in questa stagione non ha brillato. Su di lui rimane l’interesse dell’Inter, che tuttavia vorrebbe il colpo grosso portandosi a casa Nainggolan.

Nemmeno Nainggolan ha brillato eccessivamente quest’anno, soprattutto nella seconda parte di stagione. Livelli sempre alti, per carità, ma leggermente in flessione rispetto alle scorse stagioni vissute da autentico trascinatore.

Con le cifre che circolano, se la Roma avesse la possibilità di incassare parecchio contante dal belga, potrebbe decidere di lasciarlo partire.

Coric da inventare

Da capire, invece, la collocazione tattica di Coric. Il gioiellino croato, nella Dinamo, ha sempre giocato nella posizione di trequartista, posizione non troppo utilizzata da Di Francesco.

E’ successo, però, che l’ex tecnico del Sassuolo sia passato al 4-2-3-1 nel corso della stagione. Con questo modulo, Coric potrebbe anche ritagliarsi spazio importante. Nel 4-3-3, invece, potrebbe essere inventato mezz’ala o esterno d’attacco.

E’ difficile, al momento, prevedere le mosse della Roma. Nei prossimi due mesi, quelli più caldi di mercato, verranno sciolte tutte le riserve e solo alla fine capiremo come sarà questa nuova Roma, alla ricerca della sua forma perfetta.