Ribery-Fiorentina e Sanchez-Inter, chi si riscatta in Serie A?

Ribery-Fiorentina, arriva l'accordo
Ribery e Sanchez a breve sbarcheranno in Italia, il primo alla Fiorentina e il secondo all'Inter. Entrambi sono in cerca di riscatto, ce la faranno?

La Serie A come occasione di rilancio: da Ribery alla Fiorentina a Sanchez

Ribery Fiorentina / Il calciomercato è agli sgoccioli, manca poco all’inizio della nuova stagione di Serie A. I giocatori scalpitano, vogliosi di tornare in campo, mentre i dirigenti lavorano per portare agli allenatori gli ultimi rinforzi utili alle proprie rose. Tanti sono i volti nuovi che vedremo a breve calpestare l’erba degli stadi della nostra penisola. Svariati sono anche i calciatori che hanno già militato nel nostro campionato e che tornano dopo esperienze all’estero. C’è però un’altra categoria: dei giocatori che arrivano in Italia in cerca di riscatto, che aspirano a tornare come erano prima.

Oggi vi andremo a parlare proprio di loro. Le società hanno infatti attuato vari colpi low-cost, che possono essere considerati delle scommesse, pronte a brillare come in passato. Tra i nomi più rilevanti ci sono Franck Ribery, che è stato preso dalla Fiorentina, Alexis Sanchez, che arriva da una disastrosa stagione al Manchester United ed è ora molto vicino all’Inter. Anche Kevin-Prince Boateng, neo-acquisto sempre della Fiorentina, rientra in questa lista, insieme a Mario Balotelli, ex Milan e Inter, che torna dopo 18 anni alla sua terra natìa: il Brescia.

Ribery e Sanchez: chi si riscatterà e chi fallirà?

Difficile pronosticare ciò che accadrà nella prossima stagione: se questi individui, che considerano il nostro campionato un’occasione di riscatto, faranno bene, rivelandosi dei veri e propri colpacci, oppure se falliranno, annunciandosi così dei flop.

Franck Ribery: il leader (forse) senza motivazioni

Tra l’entusiasmo dei tifosi della Fiorentina per questo nuovo progetto targato Commisso, arriva la notizia di Franck Ribery, un nome importante che andrà ad unirsi a breve alla corte di Montella. Il francese è infatti atteso stasera a Firenze e forse già domani svolgerà le visite mediche. Il 36enne ricoprirà il ruolo di ala sinistra, dove ha scritto tantissime pagine della sua carriera e del calcio mondiale. Un punto a favore di Ribery è il fatto che lui è un leader totale, una figura a cui appoggiarsi e da cui imparare. Ciò significa che potrebbe fare e dare molto alla Fiorentina. Invece l’interrogativo è: ha delle motivazioni per fare tutto questo in un paese in cui non è mai stato? Dove c’è un calcio che se fai bene viene celebrato come un re, mentre se fai male ti fa ricordare quanto costi? Difficile dare una risposta, proprio per questo bisogna solo attendere i fatti.

Sanchez e il suo ritorno in Serie A

Dopo Romelu Lukaku, all’Inter dal Manchester United arriva anche Alexis Sanchez. Nei Red Devils ha disputato una stagione e mezzo disastrosa: in 45 presenze è andato a segno solamente cinque volte. Arriva a Milano dopo un’annata da dimenticare, ma in passato El Nino Maravilla ha deliziato i più grandi campi da calcio con prodezze cristalline. Il suo curriculum è infatti quello di un fenomeno: è passato dall’Udinese, realizzando 21 reti, al Barcellona (47 gol) e infine ha fatto tappa in Inghilterra, all’Arsenal, dove ha segnato ben 80 gol. Il cileno ha quindi già avuto un’esperienza in Serie A, un campionato che pertanto conosce. Sanchez è oscillante tra la definizione di flop e di colpaccio, però l’unica cosa certa è che qualche stagione fa infiammava le partite nei più grandi stadi del mondo con giocate formidabili e chissà se riuscirà a farlo anche davanti al pubblico nerazzurro di San Siro.