Novembre 27, 2021

Calcio Mercato

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Calcio Mercato

Recensione della tastiera Logitech Pop Keys: forma sulla funzione

I tasti Pop di Logitech da $ 99,99 fanno parte della nuova serie Studio di Logitech, con $ 39,99 Bob Mouse e $ 19,99 Logitech Desk Mate. La tastiera sembra essere un tentativo di combinare la funzionalità generalmente robusta di Logitech con anni di durata della batteria e una facile compatibilità tra dispositivi. Estetica adatta a TikTok E innovazioni come i tasti dedicati alla digitazione delle emoji.

Ma dopo aver usato la tastiera per il lavoro quotidiano, penso che Logitech non abbia ottenuto l’equilibrio. I tasti in stile macchina da scrivere di Bob Keys possono sembrare carini sui social media, ma sono difficili e spietati da digitare e sostituire le utili funzioni dei tasti con cinque scorciatoie emoji diventerà presto obsoleto.

Bob Keys arriva negli Stati Uniti questo mese e Logitech mi dice che sarà disponibile in Europa in futuro.

C’è un piccolo errore nelle specifiche di base dei tasti pop. Sebbene non sia ricaricabile, viene fornito con tre anni di durata della batteria dalle batterie AAA incluse. Ha la capacità di connettere fino a tre dispositivi tramite Bluetooth o fino a due dispositivi Bluetooth e uno tramite il ricevitore USB Bold di Logitech (incluso nella confezione) e può essere facilmente commutato tra loro utilizzando i tasti da F1 a F3. La tastiera è disponibile in tre combinazioni di colori: rosa; Giallo e nero; Oppure viola e giallo.

READ  Nicola Jogic dei Nuggets ha messo al tappeto Marcif Morris con un tiro scadente

I tasti pop sono comunemente indicati come layout di tastiera del 75%, il che significa che è più compatto di una tastiera di dimensioni standard, ma include ancora la sequenza funzionale e i tasti freccia. Sebbene sia possibile modificarlo nelle impostazioni di Logitech, per impostazione predefinita questa sequenza funzionale viene fornita per vari comandi come il passaggio tra i dispositivi collegati e i controlli di riproduzione e volume. C’è un tasto Fn per accedere ai pulsanti F1 – F12 più standard. Sul lato destro della tastiera ci sono cinque tasti programmabili progettati per digitare diverse icone emoji.

Quattro tasti per digitare emoji, uno aprirà il menu di selezione Emoji.

I tasti popup mostrano chiaramente quali sono le priorità di Logitech dal momento in cui apri la sua scatola. Invece di inserire sia i tasti Windows che Mac, come hanno iniziato a fare altri produttori come Keychron, Logitech ha scelto di aggiungere tasti con icone emoji aggiuntive. L’idea è che quando si programmano i pulsanti di scelta rapida delle emoji sulla tastiera, corrispondono ai codici corretti.

Quindi, mentre i tasti popup supportano ancora tecnicamente sia Mac che Windows, le legende Opzione / Windows e Comando / Alt sono racchiuse negli stessi tasti. Funziona bene, ma crea confusione. Soprattutto su una tastiera che dà la priorità al suo aspetto proprio come i tasti pop.

Invece, l’idea degli otto tasti emoji disponibili è quella di selezionare quattro dei tuoi emoji preferiti per la tastiera e quindi utilizzare il software Logitech per programmare i tasti associati all’emoji che hai selezionato. La tastiera ha un quinto tasto emoji, che funge da scorciatoia per trascinare il menu di selezione emoji a livello di sistema operativo.

Riesco a vedere l’appello di base, ma l’intero processo è molto macchinoso, quando ci sono pulsanti utili come i tasti home / end dedicati o la schermata di stampa, mi infastidisce che i tasti pop sprechino cinque preziosi tasti sull’emoji. Inizialmente, quattro dei cinque tasti emoji non faranno nulla fino a quando le opzioni di Logitech non saranno installate e configurate nel software e ognuno ti dirà quale emoji abbinare (seleziona il pulsante per aprire l’emoji a livello di sistema operativo. Il menu non richiede software) .

Sotto ogni tasto c’è un interruttore marrone tangenziale.

Anche allora, i quattro tasti emoji si trovano in una posizione neutra diversa tra “le persone a cui piacciono le emoji tanto quanto vogliono i pulsanti emoji dedicati sulla tastiera” e “coloro che usano solo quattro emoji di fila”. Sono felice di ammettere che questo non dovrebbe essere il mercato di riferimento per la tastiera, ma personalmente sarei più dedicato ai tasti Home e End piuttosto che accedere a queste funzioni comuni utilizzando i tasti Fn e freccia sinistra e destra.

Se non sei un tipo da emoji, è possibile rendere questi tasti più utili utilizzando il software Logitech e avere la possibilità di riprogettarli in singoli tasti o combinazioni di tasti. Sfortunatamente, non sono riuscito a trovare un modo per assegnare uno di questi al tasto della schermata di stampa (su Windows, il tasto F5 sulla tastiera Logitech dice che lo strumento Cattura e disegna è impostato per l’avvio di default, ma mi piace la velocità e la flessibilità del pulsante dedicato alla stampa dello schermo). Anche le riprogettazioni dei tasti non vengono memorizzate sulla tastiera, quindi se desideri collegarla a un computer sostitutivo dovrai rifarla. Naturalmente i keycap non corrispondono alla funzione che svolgono se non sono emoji (l’acquisto di keycap di terze parti potrebbe essere un’opzione, ma si noti la linea di fondo non standard).

Fornisce scorciatoie da F1 a F3 per passare tra tre dispositivi collegati.

Anche se hai problemi a ricreare ciascuno di questi tasti emoji per svolgere funzioni più utili, hai ancora una tastiera con tasti in stile macchina da scrivere. Non c’è niente di sbagliato negli interruttori sotto ogni tasto (sono cloni tattili Cherry MX Brown realizzati da TTC). Ma i tasti arrotondati della tastiera sono imperdonabili. Se il tuo dito non preme direttamente un tasto, ci saranno grandi spazi tra i tasti per farlo cadere. Posso, ma i quadrati dei tasti sono coerenti per un motivo.

Al di là della loro forma circolare, i copritasti dei tasti pop non sembrano essere stati creati appositamente. Le loro leggende sono stampate a pipistrello, che è un metodo generalmente per criticare l’usura dopo alcuni anni (in genere si preferisce la sublimazione del colore o lo stampaggio a doppio colpo). Quando ho chiesto informazioni a Logitech, mi ha detto che i tasti erano rivestiti con un rivestimento UV che avrebbe permesso alle leggende di rimanere lisce per “molti anni”. Anche i copritasti sono realizzati in plastica ABS, che si usura e brilla nel tempo (motivo per cui la plastica PPT è spesso considerata la scelta migliore).

Una o due osservazioni aggiuntive:

  • I tasti pop non hanno piedini regolabili in altezza.
  • Troverai un piccolo supporto per il ricevitore del bullone incluso all’interno della scatola della batteria.
  • La tastiera non è in controluce, ma si otterrà un piccolo LED sul tasto BLOC MAIUSC da visualizzare quando è attivato.
  • C’è un po’ di rumore negli stabilizzatori della barra spaziatrice, se è qualcosa che ti dà fastidio.

I tasti sono stampati male.

Bob Keys di Logitech è una piccola tastiera dall’aspetto eccezionale e non puoi guardare tre anni di durata della batteria. Ma non funziona così bene come la maggior parte delle persone raccomanderebbe. Le tastiere di forma rotonda sono abituate ad alcune e, anche in questo caso, penso che i normali portachiavi quadrati siano ottimi per la digitazione. I tasti Emoji sono una buona idea, ma non credo che siano aggiunte pratiche, molte persone lo useranno e non aggiungere alcuni tasti utili è un’occasione mancata. Le mie esperienze con le tastiere in passato suggeriscono che le leggende di Bob Keys potrebbero svanire nel tempo.

Se ami l’estetica di Logitech e usi le emoji al punto da essere felice di dedicare più tasti alla tua tastiera, i tasti pop faranno tecnicamente tutto ciò che dice. Ma se sei disposto a scendere a compromessi sull’estetica, ti consiglio di controllare Tastiera wireless K2 di Kigron. Potrebbe non sembrare carino, ma è molto funzionale.