Play-off Serie C, ‘miracolo’ Siena: vince al 10′ di recupero. E scatta il putiferio

‘Miracolo’ calcistico ieri sera all’Artemio Franchi nella gara di ritorno dei quarti di finale dei play-off di Serie C tra Robur Siena e Reggiana. I toscani hanno infatti raggiunto la qualificazione alla semifinale dopo aver siglato il gol del 2-1 al 10′ minuto di recupero, su un epispdio dubbio. Gol che è valso l’approdo in semi-finale al Siena e l’eliminazione della Reggiana, ma andiamo a vedere nello specifico che cosa è accaduto.

L’episodio

Partiamo dal presupposto che il match d’andata si era concluso sul risultato di 2-1 per la Reggiana, risultato che di fatto premiava appunto gli emiliani. Il Siena doveva vincere per forza, ricordiamo che non vi erano supplementari poichè passava la meglio classificata nella regular season. In questo caso la vittoria dava l’automatico passaggio del turno ai toscani senza problemi di differenza reti. Al 45′ ad andare avanti è il Siena, che accarezza il sogno semi-finale. E anzi lo pregusta quando arrivati al 90′ si è ancora sull’1-0. Ma poi succede l’incredibile. Vengono concessi sette minuti di recupero, la Reggiana pareggia al 94′ e sembra avercela fatta incredibilmente. Ma è ancora troppo presto. Passati i 7 di recupero l’arbitro allunga per qualche secondo, e qui si verifica l’episodio-shock. Episodio confuso in area, l’arbitro ravvisa un tocco di mano di un giocatore reggiano, è rigore. Situazione davvero difficile da valutare, ma in realtà il penalty sembra un pò ‘troppo dubbio. Espulso Bastrini per proteste, Santini segna il gol del 2-1 spiazzando Facchin e la Robur va in semi-finale.

L’epilogo amaro

Tanta ovviamente l’amarezza in casa Reggiana a questo punto, dai giocatori ai tifosi tutti erano arrabbiati. E proprio per questo a fine gara si è verificato il caos, con i supporters ospiti che hanno invaso il campo avversario in segno di protesta. Ciò potrebbe addirittura danneggiare il Siena, che potrebbe giocare l’andata delle semi-finali con il Catania a porte chiuse.