Florentino Perez vorrebbe l’ex Juve sulla panchina

Il Real Madrid è ancora alle prese con il discorso legato al sostituto di Zinedine Zidane sulla panchina delle Merengues. Tanti i nomi che si sono fatti in queste settimane, tra cui Pochettino, Sarri, Massimiliano Allegri e poi Antonio Conte. Nelle ultime ore, parrebbe che il presidente del Real Madrid Florentino Perez abbia scelto l’ex allenatore della Juventus da mettere sulla panchina dei Blancos. Per Conte sarebbe il coronamento di una carriera che lo ha visto trionfare sia in Italia che in Premier League. Il Real Madrid è il top club per eccellenza e chiunque sognerebbe di allenare la squadra campione d’Europa per 13 volte. Inoltre Perez avrebbe individuato in Conte le stimmate dell’allenatore coriaceo e focoso che potrebbe sostituire alla perfezione Zidane. Un tipo alla Capello per intenderci. Ma al momento le parti sono ancora lontane dalla conclusione del contratto.

Da sciogliere il nodo legato al Chelsea

Antonio Conte è ancora l’allenatore del Chelsea, al momento. La dirigenza Blues ed il tecnico salentino non hanno raggiunto l’accordo legato alla risoluzione contrattuale. Poi si sa com’è il carattere di Conte. Lui non vuole arretrare per nulla al mondo, e vorrebbe ottenere i 20 milioni pattuiti in caso di esonero. Per tutta la stagione, Conte ha avuto un rapporto burrascoso con la società londinese, vedendosi passare davanti i nomi di tutti i suoi possibili sostituti, osservando in silenzio. Ora è giunto il momento della separazione, ma l’accordo ancora non è stato trovato. La situazione sta bloccando sia Real Madrid che Chelsea, in quanto Perez vorrebbe avere Conte sulla propria panchina, mentre Abramovich è pronto ad ufficializzare l’arrivo di Laurent Blanc.

Rimane l’incognita della panca del Real: Conte sarebbe l’uomo giusto? Ormai lo conosciamo bene. L’allenatore salentino è un sergente di ferro ed è per questa ragione che Perez lo vorrebbe come tecnico. Inoltre Conte sarebbe orgoglioso di far parte di un club così prestigioso. Ma il Real Madrid, con o senza Ronaldo, è una squadra arrivata ed i suoi metodi potrebbero cozzare con quelli preimpostati all’interno dello spogliatoio. Poi una volta a Madrid, Conte dovrebbe vincere per forza e subito, altrimenti la dirigenza non si farebbe problemi ad esonerarlo seduta stante. Sicuramente le parti continueranno a discutere, ma le soluzioni sono tutte scritte sul taccuino di Florentino Perez.