Mondiali, Pagelle Russia-Arabia Saudita. Golovin illumina, disastrosa la retroguardia mediorientale

Si è conclusa la partita inaugurale dei Mondiali 2018 tra Russia ed Arabia Saudita. I padroni di casa sono stati devastanti e si sono imposti con un pokerissimo sui mediorientali, parsi molto confusionari e poco abituati a questi palcoscenici. Nei sovietici Aleksandr Golovin ha illuminato la propria nazione, essendo, per distacco, il migliore in campo.

MONDIALI, PAGELLE RUSSIA-ARABIA SAUDITA

PAGELLE DEL MATCH

RUSSIA

Akinfeev 6: poco impegnato dall’attacco saudita

Fernandes 6: compitino sulla fascia destra. Non sfonda, ma non concede sbavature.

Kutepov 7: assieme ad Ignashevic forma una diga.

Ignashevic 7: grande sintonia con Kutepov, da aggiungere la sua esperienza in questo tipo di partite.

Zhirkov 6,5: ottima partita giocata in fase difensiva, ma non prova mai a cercare varchi in attacco.

Gazinsky 7: bagna la partita con una rete, storica, la quale è la prima del Mondiale.

Golovin 8: Juventus, prendilo. Un centrocampista coi fiocchi, due assist e una punizione splendida.

Samedov 6: belle giocate che accendono l’attacco russo (dal 64′ Kuziaev 6: entra a partita già decisa)

Smolov 6,5: lavora molto per la squadra (dal 70′ Dzyuba 7: dopo neanche un minuto segna)

Dzagoev 6: sfortunato ad infortunarsi (24′ Cheryshev: entra e sposta gli equilibri della partita con una doppietta. Incontenibile).

ARABIA SAUDITA

Al Mayouf 4,5: non oppone resistenza, non impeccabile.

Al-Sahrani 6: forse l’unico che si salva, non fa errori e prova ad innescare la manovra offensiva.

Hawsawi 4,5: errori in due dei gol russi.

Hawsawi 4,5: gioca come il fratello, non impeccabile assolutamente.

Al-Burayk 5: non riesce mai ad innescare delle manovre offensive.

Otayf 5: lento a centrocampo, sovrastato dalla mediana dei sovietici (dal 64′ Al Muwallad: non incide)

Al-Jassim 5: non dà ritmo al gioco.

Al Faraj 5,5: ci prova, ma non crea mai pericoli.

Al-Shehri 5: non dà mai una svolta alla manovra offensiva.

Al-Dawsari 5: assieme al suo compagno di reparto non riesce mai ad innescare un attacco.

Al-Sahlawi 5: la squadra puntava su di lui, con la nomea del leader del gruppo, ma non crea occasioni.