Milan, serve vendere per far quadrare i conti. Suso il sacrificato?

MILAN, ITALY - NOVEMBER 20: Fernandez Suso of AC Milan celebrates his second goal during the Serie A match between AC Milan and FC Internazionale at Stadio Giuseppe Meazza on November 20, 2016 in Milan, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Lo spagnolo potrebbe essere l’uomo mercato dei rossoneri, avendo dalla sua l’età e il talento. Il Milan ha bisogno di cedere e il ragazzo poterebbe nelle casse meneghine non meno di 35 mln di euro.

Milan, sacrificio Suso?

Arrivato dall’Inghilterra come ‘scarto’ del Liverpool, ha dimostrato in Italia qual’è la sua vera natura. Jesús Joaquín Fernández Sáez de la Torre, nome completo di Suso, potrebbe però salutare il Bel Paese dopo 3 anni in cui si è consacrato. 3 anni in cui è sbocciato, 3 anni di rendimento positivi che hanno permesso ad un Milan in crisi di considerarlo talento inamovibile facendo esplodere il suo valore di mercato. Tra gli artefici del ritorno in Europa League c’è sicuramente la sua impronta. Ora però le cose sembrano poter andare diversamente per l’esterno spagnolo. Il Milan ha il bilancio in negativo e vendere è l’unico modo per risanare. Chi meglio di Suso porterebbe soldi a Milanello? Probabilmente nessuno. Ancora giovane, molto tecnico e veloce, nel suo ruolo è uno dei migliori prospetti attuali e in ottica futura. Base d’asta? Non meno di 35 mln di euro.

Possibili destinazioni e nomi dei sostituti in casa Milan

Ora manca solo dove spedirlo, anche se le pretendenti certamente non mancano. Da un possibile ritorno al Liverpool, passando per il Napoli e finendo all’Atletico Madrid. Tante le società pronte a scommettere sul ragazzo, ma bisogna prima sborsare i soldi necessari. Altro problema riguardante il Milan sarebbe il sostituto. Ormai da tempo si parla di Callejon, ma negli ultimi giorni è entrato nella lista dei desideri anche Politano. Operazione più probabile per il primo visto il costo del cartellino molto più basso, ma i buoni rapporti tra Milan e Sassuolo potrebbero giocare un ruolo decisivo.