Milan, oggi incontro in sede con la Fiorentina: le trattative

MOVIMENTI SULL’ASSE MILANO-FIRENZE

Il mercato del Milan è attivo e aperto a tutte le trattative. Tra le squadre che stanno intensificando i contatti con i rossoneri c’è la Fiorentina del presidente Rocco Commisso. Due sono i principali nomi che si sono fatti: German Pezzella e Jordan Veretout. Il primo, difensore argentino, viene valutato dai viola ben 20 milioni; il secondo, centrocampista francese addirittura 25. Date le valutazioni piuttosto alte, il Milan vorrebbe limare il prezzo per entrambi, essendo ritenuti ottimi e funzionali per il gioco di mister Giampaolo. Oggi, per sviluppare al meglio la trattativa, si è tenuto un incontro a Casa Milan con i due rappresentanti della Fiorentina: Daniele Pradè, direttore sportivo, e Joe Barone, braccio destro del presidente. Le trattative sarebbero entrambe a buon punto: su Veretout si può parlare di un sorpasso rossonero sulla Roma, mentre per Pezzella servirà più tempo.

VERETOUT, CLASSE E GRINTA

Dotato di ottima tecnica e geometrie da grande regista, Jordan Veretout è un centrocampista francese, nato ad Ancenis nel marzo del 1993. Ha eseguito tutta la trafila giovanile con il Nantes, con la cui maglia ha esordito in prima squadra a 18 anni. Con i gialloverdi ha totalizzato 130 presenze, condite da 14 reti, prima di passare in Inghilterra all’Aston Villa. Dopo una sfortunata, in termine di prestazioni, esperienza ai Villains, è tornato in Francia, questa volta per il Saint Etienne. Una sola stagione ancora in patria, ma molto intensa: dopo due anni il centrocampista è tornato al gol, totalizzandone 3. Nell’estate 2017 è passato alla Fiorentina per sette milioni: qui ha avuto l’occasione di dimostrare tutto il suo talento. Oggi il francese è richiesto da mezza Italia: Napoli, Atalanta, Roma e Milan.

PEZZELLA, CARISMA E FORZA FISICA

Dotato di un fisico roccioso e statuario, fa dell’anticipo e dei colpi di testa le sue armi letali. Ha cominciato la sua carriera nel River Plate, con cui ha seguito anche il percorso giovanile. Con i Millonarios ha fatto il suo esordio tra i professionisti e ha concliso la sua esperienza quadriennale (piu quattro anni di giovanili) con 70 presenze tra campionato e coppe. Nel 2015 è fatto il primo grande salto della carriera passando al Betis, dove e cresciuto ed è rimasto due anni. Dopo due anni, il primo da rincalzo e il secondo da titolare inamovibile in Spagna, la Fiorentina lo ha chiamato. Con i viola, il classe 1991 ha sino ad ora disputato le sue migliori stagioni, guadagnandosi la fascia da capitano: 70 presenze e 3 reti in soli due anni.