Milan, Fassone rassicura: “I soldi di Li stanno arrivando”

Milan, Fassone rassicura i tifosi

Alcuni giorni fa, il New York Times riporta l’indiscrezione secondo cui gli analisti finanziari della Uefa avrebbero raccomandato di escludere il Milan dalle competizioni europee dopo le violazioni del club delle regole sul Fair Play Finanziario. Punto fondamentale che non convince l’organizzazione di Nyon è infatti l’incertezza societaria e più in particolare l’oscurità legata ai capitali del patron cinese Yonghong Li.

La difesa del Milan si è basata poi sul tentativo di tenere distinte la proprietà dalla società, con quest’ultima patrimonio del calcio italiano e mondiale. Ed è per questo che i tifosi hanno chiesto anche un po’ di rispetto per un club così blasonato come il Milan. Ma secondo il quotidiano statunitense la strategia non ha avuto gli effetti desiderati. “Questo sarebbe un altro duro colpo per una squadra che qualche tempo fa era considerato al top e un ulteriore colpo per la crisi che sta vivendo il calcio italiano“. Si legge sulle pagine del NYT. Vedremo dunque se questa è solo un’indiscrezione oppure un’anticipazione di quello che accadrà nelle prossime settimane. Di certo il percorso è accidentato per il Milan. L’Uefa ha bocciato la proposta di Settlement Agreement, fatta dalla società per correggere le violazioni in materia finanziaria. Ed ora si aspetta la sanzione prevista per il 7 giugno.

La risposta di Fassone

Il presidente Yonghong Li è dunque chiamato ad effettuare un versamento da 10 milioni, più altri 30 previsti entro la fine di giugno, per poter evitare il peggio. Fassone però rassicura tutti i tifosi rossoneri. Dopo aver partecipato al consiglio di Lega, l’ad rossonero infatti si è fermato a parlare con la stampa presente ed ha commentato così: “I soldi di Yonghong Li stanno arrivando”. Non si è espresso invece sulla possibilità di rimanere fuori dall’Europa League il prossimo anno, accusando la stampa: “L’articolo del New York Times sull’eventuale esclusione dalle coppe? Sono le stesse cose che ormai leggiamo da tempo”.

Per i tifosi rossoneri si prospetta dunque un mese di giugno infuocato. Che condizionerà sia il mercato milanista, sia gli obiettivi per la prossima stagione.