Manchester United, vittoria col brivido in attesa dei cugini

Manchester United vittoria col brivido / Buona la prima. Il Manchester United, con un po’ di fortuna e grazie ad alcuni dei suoi uomini migliori, trova i primi tre punti della sua stagione e si regala una prima settimana senza preoccupazioni. Niente mercato, niente problemi. Solo concentrazione verso la partita della settimana prossima.

Contro i Red Devils, il Leicester non è certo stato a guardare. Le Foxes, guidate da Puel, hanno messo in difficoltà gli uomini di Mourinho, soprattutto nella ripresa.

Il gol, però, è arrivato tardi, solo nel recupero, e non ha permesso ai ragazzi in blu di giocarsi fino in fondo le proprie carte.

Nota: dopo le varie voci di mercato, Paul Pogba si è presentato con annessa fascia di capitano e, dopo tre minuti di gioco, da leader maximo, si è preso la responsabilità del primo rigore stagionale, trasformato in modo impeccabile. Un bel segnale per spegnere le voci che, negli ultimi giorni, lo vedevano con la maglia del Barcellona a fianco dell’ex compagno alla Juventus Arturo Vidal.

Il gap si è ridotto?

Difficile stabilire, così, alla prima giornata, quanto sia il gap tra il Manchester United e la squadra campione d’Inghilterra in carica del Manchester City. I ragazzi di Guardiola scenderanno in campo domani pomeriggio nel primo big match dell’anno, contro il nuovo Arsenal di Emery.

Il mercato ha portato in dote pochi giocatori per le due squadre. Gli Skyblues si sono assicurati l’estro di Riyhad Mahrez, mentre lo United ha comprato solo Fred e Diogo Dalot. Acquisti, tutti e tre, che saranno sicuramente molto interessanti durante il proseguimento della stagione, ma che al momento difficilmente sposteranno equilibri già stabiliti nelle scorse stagioni.

Il vero, nuovo acquisto di Mourinho, però, potrebbe proprio essere Pogba. Il francese, neo campione del Mondo, non ha mostrato tutto il suo carisma e il suo talento da quando ha lasciato la Juventus per tornare in Premier. Una sua, definitiva, esplosione, alla soglia dei 25 anni, potrebbe davvero rianimare un Manchester United che, da quando Ferguson ha lasciato il club, non è mai più salito sul tetto d’Inghilterra.

Alla prima giornata, tirare conclusioni è davvero complicato. Il gap tecnico, lo scorso anno, non era elevato come racconta la classifica. Staremo a vedere, già da domani, se questo gap riuscirà a ridursi quest’anno o se Guardiola riuscirà ancora ad avere la meglio della sua nemesi portoghese.