Man. City-Burton, goleada da record. Ecco altri casi nella storia

Quella del Manchester City rimarrà nella storia. Vediamo altri casi di goleade che hanno segnato un'epoca.

Guardiola è in buona compagnia

Che il tecnico ex Barca sia amante di goleade, è chiaro a tutti. Il suo gioco spumeggiante è sinonimo di tanti gol e spettacolo. Se ne è reso conto per sua sfortuna Nigel Clough, che con il suo Burton è stato surclassato per 9-0 in semifinale di Carabao Cup. Ma non è la prima volta che in una gara importante di coppa si verificano risultati clamorosi. Ecco forse i due casi più eclatanti nelle due manifestazioni per eccellenza: la Coppa Campioni ed il Mondiale.

Real Madrid umiliato a San Siro

Milan-Real Madrid 5-0. La gara che consacrò definitivamente il Milan degli olandesi. Era il 19 aprile 1989 e a San Siro si giocava la semifinale dell’allora Coppa dei Campioni. L’avversario era il super Real Madrid di Butragueno e Sanchez. Nonostante i rossoneri erano i campioni in carica, molti vedevano i Blancos come favoriti per il passaggio del turno. Ma la partita fu una vera e propria umiliazione per i Galacticos, che dopo il primo tempo erano già sotto 3-0 con i gol di Ancelotti, Rijkaard e Gullit. Nel secondo tempo Van Basten e Donadoni completarono la manita che lanciò il Milan nella finale di Barcellona poi vinta, ancora con una goleada, per 4-0 contro la Steaua Bucarest. Ricordi di una delle squadre più forti di tutti i tempi e che lasciò un segno indelebile nella storia del calcio.

Il “Mineirazo”, l’incubo dei brasiliani

Una delle gare che verranno ricordate per generazioni. Stadio Mineirao di Belo Horizonte. Il Brasile, pur senza incantare, sta facendo sognare i suoi tifosi arrivando fino in semifinale del Mondiale casalingo. Di fronte si trovano un avversario tostissimo, la corazzata Germania. I verdeoro sono senza Thiago Silva e Neymar, i due uomini chiave, ma nell’aria si respira comunque ottimismo. Ottimismo che, dopo 30 minuti di partita, lascia il posto alle lacrime. I panzer tedeschi si scatenano subito in avvio di gara. Muller, Klose, due gol di Kroos e Khedira chiudono di fatto la partita in mezz’ora. Sugli spalti e in campo è uno shock tremendo. I restanti 60 minuti saranno un’ umiliazione pesante. Mentre i tifosi guardano la gara ormai in lacrime, i giocatori della Selecao sono costretti al torello dalla spettacolare squadra di Loew, che intanto segnerà altre due reti con Schurrle. Nel recupero il gol della bandiera di Oscar servirà solo agli almanacchi, che registreranno la più grande sconfitta della storia del Brasile.