Novembre 27, 2021

Calcio Mercato

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Calcio Mercato

Malala Yousafzai annuncia il matrimonio: “Oggi è un giorno d’oro nella mia vita”

Malala Yousafzai, attivista pakistana e vincitrice del premio Nobel per la pace, ha annunciato martedì il suo matrimonio.

“Oggi è un giorno prezioso nella mia vita”, ha scritto il 24enne. “Azhar e io ci siamo sposati per essere compagni di vita. Abbiamo festeggiato una piccola Nikka a casa con la nostra famiglia a Birmingham. Per favore inviaci le tue preghiere. Non vediamo l’ora di camminare insieme nel viaggio che ci aspetta”.

Yusufzai, sopravvissuto a un colpo alla testa da parte dei talebani per aver sostenuto che le donne dovrebbero essere educate, ha ottenuto il riconoscimento internazionale per la sua storia e il suo lavoro come attivista per i diritti umani. Nel 2014, all’età di 17 anni, è diventato il più giovane a vincere il premio Nobel per la pace.

L’anno scorso, Yusufzai Laureato All’Università di Oxford, ha studiato filosofia, politica ed economia. All’inizio di quest’anno, Apple TV + Annunciato Una partnership con Yusufzai: creerà contenuti esclusivi per loro.

Yusufzai ha parlato nei mesi scorsi dopo che gli Stati Uniti hanno ritirato le proprie truppe dall’Afghanistan. In un settembre Colloquio Con “CBS Evening News”, Yusufzai ha affermato che il presidente Biden ha una “grande responsabilità” per le donne. Afghanistan Quelli la cui libertà è stata limitata dai talebani. I suoi amici le dissero che ora le ragazze avevano paura di andare a scuola – qualcosa che era loro permesso fare durante l’occupazione americana.

READ  Halloween Kills fa un enorme debutto al botteghino

“Avevano dei sogni, si preoccupano di non poter più sedere in classe. Si preoccupano che le donne vadano al lavoro. Sono costantemente monitorate, le persone controllano come si comportano, come si comportano, cosa indossano, come si vestono, i loro diritti a loro. Sono negati “, ha detto in un’intervista di settembre.

Sophie Lewis e Caitlin Yillek hanno contribuito alla segnalazione.