Le Roi: “Ora passo al contrattacco”

Presente ad un evento di Udine di golf, Michel Platini, ex presidente della UEFA squalificato a causa di un presunto scandalo legato alla corruzione, ha voluto togliersi qualche macigno dalle proprie scarpe. In un’intervista rilasciata a “La Gazzetta dello Sport”, ha voluto chiarire la sua posizione: “Ora sto bene. Dopo che il pm ha riconosciuto la mia innocenza, in quanto non sono un corruttore, non ho rubato, non sono quello che descrivevano quei buffoni della commissione etica, mi sento un altro. Ora posso andare al contrattacco. Da quando mi hanno accusato è stato l’inizio di un incubo. Passavo di commissione in commissione, rimanendo comunque sicuro della mia innocenza. Poi nulla, mi sono trovato squalificato senza capire il perché. Otto anni, poi 6 ed infine 4. La gente ha capito che io in quello scandalo non c’entravo nulla. Era tutto falso, tutto scritto. E’ stato duro sentire tutte quelle fesserie della FIFA su di me. E’ stato come prendere una moltitudine di sberle.”

“Ho visto la faccia nera del calcio. Alla gente non importa nulla”

Sempre in quest’ambito, l’ex giocatore di Juventus e Saint Etienne ha voluto rincarare la dose: Ho visto la faccia nera del calcio. Io sono entrato in politica con lo scopo di far divertire i bambini, di sviluppare il mondo del calcio. Invece ho dovuto difendermi. Pensavo di essere importante, ma ora mi sono accorto di far parte di un mondo autoreferenziale. Di FIFA e UEFA non mi importa più nulla, dopo che lo sguardo nei miei confronti è cambiato. Alla gente dei presidenti non interessa nulla, a loro importa solamente cosa fanno Messi, Ronaldo e Ibrahimovic, del fischio d’inizio e di chiusura. Ora lo so e posso farmene una ragione, vivendo come una persona normale. VAR? Ero contrario sin dall’inizio, lo avevo detto a Blatter. Una volta che si inizia, non si sa dove si va a finire. Ora i guardalinee non alzano più la bandierina. Con il VAR ci si ferma per tutto. Il problema vero è rappresentato dagli arbitri che sono scarsi e senza formazione.”