Lazio-Empoli 1-0: Caicedo non fa rimpiangere Immobile, biancocelesti 4° aspettando il Milan

La Lazio batte di misura l'Empoli, decide il rigore di Caicedo.

Primo tempo

Lazio che si presenta alla sfida con molti cerotti nell’11 iniziale. Assenti infatti Immobile, Luis Alberto e Parolo. Ma proprio il sostituto dell’attaccante napoletano, Caicedo, sarà l’arma in più dei biancocelesti. L’ecuadoreno combina benissimo con Correa e Milinkovic-Savic, con il Tucu che si divora un gol a tu per tu con Provedel. Poi però è lo stesso portiere dei toscani a regalare il vantaggio ai padroni di casa al 40′. Su un retropassaggio il n°1 sbaglia il controllo, andando poi a travolgere Caicedo con Chiffi che indica il dischetto. L’attaccante ex Espanyol dagli 11 metri non sbaglia. Al riposo si va sull’1-0.

Secondo tempo

La ripresa si apre con l’ennesima defezione per Inzaghi. Si ferma infatti Milinkovic-Savic per un problema muscolare, al suo posto Cataldi. Con una Lazio spaventata e acciaccata, l’Empoli acquista coraggio e avanza il proprio baricentro tenendo il pallino del gioco. Ma la squadra di Iachini, con un Caputo non in perfetta serata, è sterile davanti. L’occasione clamorosa però arriva. Da un calcio di punizione laterla, la palla arriva sulla testa di Silvestre che a porta quasi vuota deposita a lato la palla del pareggio. Nel finale la Lazio soffre, ma arriva a conquistare tre punti pesantissimi che la proiettano momentaneamente al 4° posto. Empoli invece sempre più in bilico e che ora spera in un risultato negativo del Bologna per non sprofondare in zona retrocessione.