La dura legge del gol. Alla Juventus bastano 169 secondi per raggiungere i quarti di Champions.

LA DURA LEGGE DEL GOL. ALLA JUVENTUS BASTANO 169 SECONDI PER RAGGIUNGERE I QUARTI DI CHAMPIONS.

“È la dura legge del gol” cantavano gli 883 parecchi anni fa. “Gli altri segneranno però lo squadrone siamo noi” continuava il ritornello ed in un certo senso è questo che Pochettino, italiano di origine, ha voluto dire davanti alle telecamere a fine partita.

L’allenatore del Tottenham ha sostenuto che la sua squadra ha dominato per gran parte del match contro la Juventus ed ha dato la colpa della sconfitta alla sfortuna.

Certo, però, quando prendi due gol in tre minuti non si può parlare solo e semplicemente di sfortuna. Sul pareggio firmato di Higuain il Tottenham ha completamente perso la marcatura e sul sorpasso di Dybala ha lasciato una voragine centrale, quasi da squadra dilettantistica.

Poi la sfortuna ha fatto senza dubbio la sua parte, ma se si vuole arrivare al livello dei migliori certi errori non bisogna commetterli, contano i particolari.

IL RITORNO DELLA VECCHIA GUARDIA

D’altra parte la Juventus per il passaggio del turno deve ringraziare senza dubbio, oltre al cinismo di Higuain e Dybala, la sua Vecchia Guardia. In particolar modo Barzagli e Chiellini sono stati monumentali nel finale di partita dopo un avvio un po’ stentato.

L’intervento in scivolata di Barzagli su Alli nel finale dopo il palo di Kane dovrebbe essere mostrato alle scuole calcio e le rabbiose esultanze di Chiellini sui salvataggi effettuati raccontano di una carica sfrenata e di un cuore immenso.

Ma il vero artefice della vittoria è un altro: Max Allegri. Il tecnico livornese mettendo in campo Lichtsteiner ed Asamoah nella ripresa ha completamente cambiato la partita. I due terzini hanno dato dinamicità alla squadra, che da quel momento ha svoltato. La scelta di badare di più alla sostanza che alla forma ha premiato Max con un passaggio del turno che sembrava essere diventato decisamente complicato.

Non è la Juventus migliore degli ultimi anni, ma batterla, questo è certo, sarà dura per tutti.