Juventus, con De Ligt e gli altri super colpi, la Champions è possibile?

Nella Juventus molti ripongono alte aspettative: è così da anni, da quando in Italia è cominciato il dominio bianconero. Quest’anno, però, a Torino sono presenti pretese ancor più elevate, a causa (o per mezzo) del grande mercato condotto dalla dirigenza. Dopo l’arrivo di Aaron Ramsey a gennaio dall’Arsenal, il club zebrato ha messo in fila due colpi dal Paris Saint Germain: il ritorno di Buffon e l’approdo di Adrien Rabiot. I due colpi a centrocampo porteranno qualità e sostanza nel reparto in cui qualcosa, lo scorso anno, è mancato. Il portiere di Carrara darà, invece, carisma e unione per lo spogliatoio: sarà lui il vecchio-nuovo senatore numero uno. Inoltre, in uno spogliatoio coeso – ora come non mai – troverà il giusto spazio per crescere e, probabilmente, diventare il miglior difensore al mondo Matthijs De Ligt.

I DETTAGLI DELLA TRATTATIVA DE LIGT

Il centrale dell’Ajax, protagonista della cavalcata in questa Champions dei lancieri, lascerà molto presto l’Olanda, a favore del top club piemontese. Le due società sono ai dettagli di una trattativa impostata su una base di circa 65 milioni, a cui se ne aggiungeranno altri di bonus, sino a raggiungere quota 75. Il giocatore, ancora diciannovenne, guadagnerà 12 milioni a stagione, conditi da un lauto bonus di ingaggio. Inoltre, la terza figura a guadagnare denaro dall’operazione sarà Mino Raiola, intermediario della trattativa, che incasserà 11 milioni di euro di commissioni.

CHAMPIONS, SOGNO O REALTÀ?

Sta diventando quasi un’ossessione, anno dopo anno, la vittoria della Champions per la Juventus. L’ultima Coppa dalle Grandi Orecchie bianconera arrivò nel 1996: Sarri, attuale tecnico, allenava in seconda categoria toscana al Cavriglia, mentre De Ligt sarebbe nato 3 anni dopo. Era un’altra Juve, quella, ed era un altro calcio, meno influenzato dai media, dai soldi e dal ben apparire. Così, 23 anni dopo, il tecnico toscano vorrebbe riportare, per mezzo di giocatori top, la Champions League all’aeroporto di Caselle. Una grande ambizione, che potrebbe realizzarsi. Quest’anno, sulla carta, i bianconeri hanno la rosa più forte d’Europa, e con il giusto mix di bravura e fortuna l’impresa si potrebbe compiere.