Juventus: Ajax l’avversario dei quarti, quello che c’è da sapere sui Lancieri

Juventus, sarà l'Ajax l'avversario ai quarti di Champions. Ecco cosa c'è da sapere sugli olandesi.

Juventus, ecco che avversario è l’Ajax

Se c’è una squadra che sta sorprendendo tutti in questa Champions League, questa è l’Ajax. Ormai non è più una novità, tutti in Europa ne parlano e tutti sono stati conquistati da questa formazione. Un mix perfetto di giovani fenomeni (De Ligt e De Jong su tutti) e giocatori esperti (Blind e Tadic) uniti da un gioco spettacolare. Un modello collaudato da anni basato sulla crescita dei propri talenti poi rivenduti a peso d’oro. L’ultimo super affare è quello di Frenkie De Jong, acquistato dal Willem II quando aveva 17 anni per 1 euro (esatto, una moneta da 1 euro) e poi rivenduto per ben 75 milioni+11 di bonus al Barcellona. Il prossimo con moltà probabilità sarà Matthijs De Ligt, classe ’99, capitano e perno difensivo dei lancieri e della nazionale olandese. Senza dimenticarci di David Neres, fresco della prima convocazione in nazionale brasiliana, Hachim Zyiech, giustiziere del Real Madrid agli ottavi, e Donny Van De Beek, jolly indispensabile nell’11 di Ten Hag.

Il percorso in Champions League

Il cammino degli olandesi comincia addirittura dai tre turni preliminari in cui si sbarazzano nell’ordine di Sturm Graz (5-1 complessivo), Standard Liegi (5-2 complessivo) e Dinamo Kyev (3-1 complessivo). Poi la fase a gironi, dove le avversario sono AEK Atene, Benfica e Bayern Monaco. Tutti pensavano ad un testa a testa con i portoghesi per il secondo posto, ma invece la lotta diventa clamorosamente con il Bayern per il primato del girone. Primo posto che alla fine i Lancieri cedono ai bavaresi per soli 2 punti, dopo essere rimasti imbattuti in tutte le 6 gare. Il sorteggio dunque si preannuncia durissimo, e cosi sarà. Di fronte alla squadra di Ten Hag si presentano i tre volte campioni in carica del Real Madrid. Sappiamo tutti come andrà a finire. Gli olandesi impartiscono una lezione di calcio per 180 minuti ai Galacticos, perdendo in casa per 1-2 e rimontando al Bernabeu per 1-4.

I punti deboli

Squadra che fa del bel gioco un suo mantra da sempre. Come quasi tutte le squadre che applicano questo tipo di filosofia, il punto debole è il reparto arretrato. Se la Juventus riuscirà a tenere a bada la qualità eccelsa dei centrocampisti e degli attaccanti avversari, le ripartenze possono essere micidiali. I due terzini, Tagliafico e Mazraoui, hanno dimostrato contro il Real Madrid di avere più di una lacuna difensiva ed il tipo di centrocampo che di solito viene schierato da Ten Hag non li aiuta. Nessuno infatti, tra De Jong, Schone e Van De Beek, ha caratteristiche prettamente difensive. Se ci aggiungiamo che al fianco di De Ligt in difesa viene schierato un ex centrocampista come Blind, capiamo bene come i bianconeri abbiano molte possibilità di fare male. Per la Juventus i pericoli principali arriveranno dunque dalla prima pressione in fase di costruzione e dalla velocità degli attaccanti, ma una volta superati questi problemi, la squadra di Allegri ha molte possibilità. Un sorteggio da prendere con le pinze, ma di certo l’Ajax non rappresenta uno scoglio insormontabile per questa Juve.