Pochezza nella rosa azzurra

L’Italia contro l’Olanda ieri sera è uscita dall’Allianz Stadium con un pareggio. Su tre gare la nuova Nazionale di Roberto Mancini ha vinto solamente la sfida di San Gallo contro l’Arabia Saudita, senza nemmeno convincere molto. Poi la sconfitta di Nizza contro la Francia ha messo in luce tutte le carenze di questa Italia. Ancora troppo il gap tra gli azzurri e le più forti selezioni europee e mondiali. Comunque, la Nazionale ha bisogno di ritrovarsi ed il nuovo corso targato Roberto Mancini è appena iniziato. Nella serata di ieri si è disputata la sfida tra due nobili decadute, in quanto solitamente Italia-Olanda una volta era una gara da Mondiali od Europei. Invece ieri le due selezioni si sono affrontate in un’amichevole anche piuttosto triste. Poca tecnica in campo ed un pari acciuffato in extremis dagli Oranje. Nota lieta per l’Italia, il ritorno al gol di Simone Zaza. 

Zaza torna al gol in Nazionale. Mancava il suo contributo

Finalmente Simone Zaza ha potuto disputare nuovamente una partita con addosso la maglia dell’Italia. Ieri è entrato al 63′ ed ha realizzato una rete da rapace d’area, come piace a lui. Tra l’altro, nella stessa porta in cui il 13 febbraio 2016 ha trafitto il Napoli quando giocava ancora nella Juventus portando di fatto lo Scudetto in direzione Torino. Insomma, alla Nazionale mancava un giocatore come Zaza. Un attaccante molto generoso, forse a volte troppo irruento. Ma è così che bisogno essere, così bisogna lottare su ogni pallone. Se si è un calciatore della Nazionale si deve “mangiare” l’erba. Ha pesato troppo quell’errore commesso all’Europeo del 2016, quando Zaza sbagliò calciando alto il rigore estromettendo di fatto l’Italia dalle semifinali. Da allora ha giocato solamente due volte entrando tra l’altro nei minuti conclusivi nelle partite contro Liechtenstein e nell’amichevole contro la Germania dello scorso novembre. Peccato, perché Zaza al Valencia ha disputato proprio un ottimo campionato ed avrebbe meritato più spazio anche nell’Italia, ma Ventura non era dello stesso parere… Magari con uno Zaza in più, la nostra Nazionale avrebbe potuto partecipare al prossimo Mondiale. Ci bastava solamente un gol, magari siglato proprio dal ragazzo di Potenza.