“Con la Joya e Balotelli sarebbe stata un’altra storia”

La non partecipazione dell’Italia ai Mondiali in Russia brucia ancora tremendamente. Soprattutto nel constatare che giocano anche Panama, Arabia Saudita, Iran, Nazionali con pochezza tecnica e senza una grande storia alle spalle. Ma questo potrebbe anche non contare in quanto se una squadra è forte, vince senza problemi, anche contando sul solo fattore unione. Infatti l’Italia ne è l’esempio più lampante: ad Euro 2016 gli azzurri di Conte arrivano ai quarti di finale contro la Germania. Commovente il percorso di una squadra parecchio al di sotto di altre formazioni sconfitte, come Spagna e Belgio, nel corso della competizione. La stessa Nazionale, praticamente, è stata quella che alle qualificazioni dei Mondiali con Ventura in panchina è stata eliminata, facendo una figuraccia in mondovisione. Tutti colpevoli, dall’allenatore all’ultimo dei preparatori. Tutti.

Di questo è tornato a parlare l’ex Presidente Federale Carlo Tavecchio, dimessosi dopo la debacle dell’Italia, con qualche settimana di ritardo: “Io alla finale dei Mondiali in Russia ci andrò. Mi ha invitato Gianni Infantino. Io tifo Argentina, in quanto sono mezzi italiani e soprattutto perché ci gioca anche Dybala. Ero quasi riuscito a convincerlo a giocare con noi. Con Dybala e Balotelli sarebbe stata un’altra storia.”