Inter, Dzeko è più vicino: si chiude dopo l’Asia. E anche Lukaku rimane difficile!

Romelu Lukaku, attaccante belga in orbita Inter. Adesso ad un passo dal vestire la maglia della Juventus. Foto:"Tuttosport"

Soltanto soldi cash alla Roma per avere il bosniaco, Leao alternativa a Lukaku, Perisic rischia, e intanto Icardi se ne va ad Ibiza.

Dzeko: si decide tutto dopo l’Asia

Dzeko-Inter, le parti si avvicinano. Le cessioni in casa Inter potrebbero diventare tre, Lukaku rimane molto difficile, Rafael Leao una pista molto concreta, Cavani invece ad oggi non rappresenta un obiettivo, ma domani chissà. Questa è la situazione attuale delle trattative di mercato dell’Inter. La priorità ad Edin Dzeko: da qualche giorno il clima con i giallorossi è meno rigido rispetto alla richiesta ferma di 20 milioni della Roma e dell’offerta di 12 dell’Inter. Quindi: alla fine della prossima settimana dopo il viaggio di Marotta ed Ausilio a Nanchino e quindi quando rientreranno in quel di Milano, dovrebbe arrivare la cosiddetta fumata bianca per il trasferimento di Dzeko in nerazzurro. Non in tempo quindi per raggiungere i suoi eventuali nuovi compagni nella tournèè, ma si lavora per far sì che sia a disposizione al rientro dal match con il Psg a Macao. Non saranno inseriti altri giocatori nell’operazione, che sarà solo cash.

Rebus centravanti

Capitolo Romelu Lukaku: i nerazzurri sono in attesa di una risposta da parte dello United sulla compatibilità economica della propria offerta, formulata con un pagamento dilazionato e per una cifra che si aggira attorno ai 65 milioni di euro. Pessimismo sulla buona riuscita dell’affare, nonostante il belga continui a far sognare i tifosi nerazzurri: oggi non sarà di scena, proprio nel match contro l’Inter. Oltre la famiglia Zhang non può proprio andare: impossibile raggiungere la cifra di 83 milioni di euro chiesta dal club inglese. E allora ecco il motivo per cui l’Inter ha cominciato a ragionare anche su altri nomi di attaccanti. C’è una trattativa in fase avanzata con il Lilla per Rafael Leao. talento classe ’99, per il quale servono 40 milioni di euro. Ma c’è da battere -e non è semplice – la concorrenza di Juve e Napoli, da tempo sul calciatore, anche se la Juve non appare poi così decisa. Non convince invece il profilo di Rebic, che ha altre caratteristiche tecniche e fisiche. Discorso a parte lo merita invece Cavani: ad oggi non è una pista calda e presa in considerazione dall’Inter. SE però Marotta ed Ausilio dovessero intravedere lo spiraglio per convincere l’uruguagliano a lasciare Parigi un anno prima della scadenza, sarebbe il benvenuto