Il 2018 dell’Inter: dalla serata di Roma alla partita con il Tottenham, nel segno di Vecino


Il 2018 dell’Inter è stato ricco di emozioni, dalla sofferenza più estrema, all’esaltazione più totale, una gioia immensa che solo la pazza Inter può regalare. Proprio questa espressione è la più appropriata per descrivere il 2018 dell’Inter, ma non solo, la storia della Beneamata parla chiaro.

La qualificazione in Champions League

La sconfitta in casa con il Sassuolo aveva fatto perdere le speranze e messo in crisi nera i nerazzurri, ma il pareggio del Crotone di Zenga contro la Lazio aveva riaperto tutto. Mancava una partita, lo scontro diretto contro la Lazio, con solo la vittoria come risultato utile. I nerazzurri hanno conquistato la qualificazione alla Champions League nell’ultima partita, quella dell’olimpico contro la Lazio, vinta 2-3 nel finale. La serata di Roma fa parte della storia recente dell’Inter. L’eroe della serata è stato Matias Vecino, l’uomo della garra charrua, che ha fatto saltare in piedi tutti i tifosi interisti e non. Da lì l’entusiasmo è salito alle stelle e non si è mai smarrito, anche nelle difficoltà.

Il ritorno in Europa

Tra momenti di difficoltà e di soddisfazioni, l’Inter in questa stagione sta rispettando le aspettative di inizio anno trovandosi in una terza posizione tranquilla della classifica, alle spalle del Napoli. Vista l’esclusione dalla Champions League, l’Europa League diventa un impegno primario da non sottovalutare, magari per rivivere altre serate come quella contro il Tottenham. La partita del 18 settembre rimarrà impressa agli interisti per il resto della stagione, per come è avvenuta e perché rappresentava il ritorno ai grandi palcoscenici. In Inter-Tottenham ancora Vecino determinante, a deciderla sempre con un colpo di testa.