ICC, Manchester United-Inter 1-0: decide Greenwood, nerazzurri in ritardo di condizione

FOTO: The National

Si è appena conclusa l’amichevole di International Champions Cup tra Manchester United e Inter. Al National Stadium di Singapore vincono i Red Devils, grazie alla rete siglata al 76esimo dal baby Greenwood. Prima sconfitta per Antonio Conte sulla panchina dell’Inter, apparsa in ritardo di condizione rispetto agli inglesi. Con la Premier League alle porte (in Inghilterra si scenderà in campo già tra venti giorni), la disparità fisica tra le due formazioni era preventivabile. Il 3-5-2 disegnato dal tecnico salentino ha fatto registrare una buona solidità difensiva, perlomeno fino al gol subito. Meno positive le impressioni sulla fase offensiva. Continuano i problemi in attacco per Conte, che attende il ritorno di Lautaro Martinez e gli innesti dal mercato. Nel tentativo di impensierire la retroguardia dello United, nella ripresa Conte ha schierato Perisic al fianco di Esposito, con il croato che si è ben disimpegnato in un ruolo per lui inusuale.

Manchester-Inter 1-0: l’analisi del match

L’Inter scende in campo con il 3-5-2 targato Antonio Conte. D’Ambrosio completa il trio difensivo al fianco di De Vrij e Skriniar, a centrocampo spazio al neo acquisto Sensi, insieme a Gagliardini e Brozovic. Sulle fasce Candeva e Dalbert, mentre la coppia d’attacco è formata da Longo ed Esposito. Parte meglio lo United di Solskjaer, anche se i Red Devils riescono a rendersi pericolosi solo dalla distanza. I nerazzurri non danno l’impressione di soffrire particolarmente ma faticano ad appoggiarsi sulle punte per dar sfogo alla manovra offensiva. L’occasione più ghiotta della prima frazione capita nei piedi di Rashford. Il giovane attaccante inglese non trova l’impatto con la sfera a porta vuota e il primo tempo si chiude sullo 0-0. La ripresa inizia con il cambio Perisic per Longo e l’Inter migliora sensibilmente la qualità del proprio gioco. Con il passare dei minuti, inizia a prevalere la maggior brillantezza del Manchester. I ragazzi di Conte boccheggiano e alla mezzora arriva la rete del baby fenomeno Greenwood. Handanovic respinge nei piedi del classe 2001 che è abile a superare in dribbling Joao Mario ed è 1-0. Gli ultimi 15 minuti sono da segnalare solo per l’esordio di Nicolò Barella con la maglia nerazzurra. Un’Inter che ha dato dimostrazione di avere carattere, ma la sensazione è che ci sia ancora molto da lavorare. In campo e sul mercato.