Novembre 27, 2021

Calcio Mercato

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Calcio Mercato

Honiara, Isole Salomone: le forze di sicurezza australiane schierate per il secondo giorno di violente proteste

Secondo i resoconti dei media, i manifestanti dell’isola più popolosa del paese, Malta, sono volati nella capitale con rabbia per una serie di questioni interne, comprese le promesse di infrastrutture non mantenute. Hanno chiesto le dimissioni del primo ministro Manasseh Chowk.

La Royal Solomon Islands Police Force (RSIPF) dice che da 2.000 a 3.000 manifestanti sono scesi in strada giovedì, alcuni dei quali hanno dato fuoco a edifici e saccheggiato negozi nella parte orientale di Hon’ble. Altre 36 persone sono state arrestate.

Le proteste sono scoppiate quando il parlamento è ripreso mercoledì sera per la mancata risposta del primo ministro a una petizione sulla cittadinanza presentata ad agosto, in cui il governo chiedeva al popolo di Malata di rispettare il diritto all’autodeterminazione, limitare le relazioni con la Cina e riprendere i progetti di sviluppo a Malaita .

முன்னதாக போராட்டத்தை கலைக்க போலீசார் கண்ணீர் புகை குண்டுகளை வீசினர்.

In un discorso trasmesso mercoledì sera tardi, chiedendo un blocco, il primo ministro Chowdhury ha dichiarato: “Il nostro paese è stato testimone di un altro tragico e sfortunato evento volto a rovesciare il governo democraticamente eletto”.

“Onestamente pensavo che avessimo attraversato i giorni più bui della storia del nostro Paese, ma gli eventi di oggi sono un doloroso promemoria che abbiamo una lunga strada da percorrere”, ha detto.

Un blocco durerà in Honnara fino alle 7:00 ora locale di venerdì, il che consentirà “alle nostre forze dell’ordine di indagare a fondo sugli autori degli eventi di oggi e prevenire ulteriori atti di vandalismo”, ha affermato.

I negozi sono stati saccheggiati e i manifestanti hanno dato fuoco all’edificio con il tetto di paglia nei locali del parlamento – dove si trovava – e a una stazione di polizia, ha detto il primo ministro.

READ  Bottiglie etichettate "Large" scoperte da un addetto alle pulizie di laboratorio in Pennsylvania

La RSIPF ha esortato le persone che frequentano le scuole e le aziende intorno a Hon’ble a rimanere a casa per evitare di essere colpite dai disordini.

“Vogliamo garantire che le nostre strade, scuole e attività commerciali riaprano subito dopo il blocco”, ha dichiarato in una nota il vice commissario RSIPF Juanita Matanga.

Chiedo la vostra collaborazione fino a quando la situazione non migliorerà.

L’Australia invia truppe e polizia

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha detto ai giornalisti giovedì che il personale della polizia federale australiana è stato inviato alle Isole Salomone “per fornire stabilità e sicurezza”.

Morrison ha affermato di aver ricevuto una richiesta formale nell’ambito dell’accordo di sicurezza bilaterale per assistere e sostenere la RSIPF. Ha detto che l’Australia ha accettato di inviare 23 membri dell’AFP a sostegno del controllo delle sommosse e altri 50 a sostegno della sicurezza nelle infrastrutture critiche.

Saranno coinvolti altri 43 membri delle forze di difesa australiane.

24 novembre, vista generale di una stazione di polizia danneggiata durante le proteste antigovernative a Honolulu, Isole Salomone.

“La nostra speranza e ambizione è che la nostra presenza cerchi di calmare la situazione nelle Isole Salomone e riportare un po’ di pace.

Qual è il rapporto tra Cina e Taiwan?

Le Isole Salomone erano uno dei pochi paesi che avevano relazioni diplomatiche con l’isola sovrana democratica di Taiwan, ma nel 2019 l’arcipelago ha cambiato la sua fedeltà alla Cina. Pechino considera Taiwan come parte della Cina e si rifiuta di mantenere relazioni diplomatiche con qualsiasi paese che non riconosca la sua “politica della Cina unica”.

Esso Segnalato La Cina ha promesso circa 500 milioni di dollari in aiuti alle Isole Salomone, uno dei paesi più poveri del Pacifico.

Mentre il primo ministro di lunga data Chokavare ha accolto con favore la Cina e i benefici economici che ha promesso, il primo ministro della provincia più popolosa del paese, la Malesia, ha espresso apertamente la sua opposizione al cambiamento. Suydhani annuncia il referendum sull’indipendenza della Malesia.

Un movimento indipendente ribolle da decenni in montagna a causa dei sentimenti emarginati di vecchia data del governo centrale, affermano gli esperti. In precedenza ha detto alla CNN.
La provincia del Pacifico è profondamente frustrata dalla presenza della Cina e sta spingendo per l'indipendenza.

Nell’ottobre 2020, l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale ha annunciato una sovvenzione di 25 milioni di dollari nell’ambito del programma Rafforzamento della competitività, dell’agricoltura, dei mezzi di sussistenza e dell’ambiente.

READ  I giudici conservatori bloccano l'obbligo del vaccino Biden per le imprese | Notizie americane

“Il programma su larga scala aiuterà ad aprire opportunità economiche, aumentare il commercio, migliorare la gestione delle risorse naturali, compresa la gestione delle foreste, migliorare l’agroindustria e lo sviluppo delle piccole imprese e ampliare le infrastrutture critiche su piccola scala e i servizi essenziali”, ha affermato il Dipartimento di Stato in una nota. Disse.

La sovvenzione malese faceva parte di un piano da 200 milioni di dollari per nuovi finanziamenti in tutto l’Indo-Pacifico nell’ambito dello US Pacific Pledge.

Secondo Mihai Sora, partner di ricerca del progetto Isole del Pacifico presso il Lowe’s Institute in Australia, la sovvenzione è “50 volte superiore a quella che la provincia normalmente riceve dai donatori all’anno”.

A causa della posizione anti-cinese delle province, la concessione è stata vista da alcuni critici come “un vergognoso stipendio per Sora, uno degli attori pro-Taiwan in costante declino nel Pacifico”. Ha scritto al Lowe’s Institute Sito web del traduttore del mercoledì.

La CNN ha contattato l’ambasciata degli Stati Uniti in Papua Nuova Guinea, Isole Salomone e Vanuatu per commentare.

Sebbene gli Stati Uniti non abbiano relazioni diplomatiche ufficiali con Taiwan, entrambe le parti si sono avvicinate negli ultimi anni, facendo arrabbiare Pechino. Gli Stati Uniti vendono armi all’isola in base al Taiwan Relations Act, che impone agli Stati Uniti di aiutare i Taipei a difendersi. Washington ha trasferito il riconoscimento diplomatico formale da Taipei a Pechino nel 1979.

Brad London, Hillary Whiteman e Julia Hollingsworth della CNN hanno contribuito al reportage.