Fulham e Leicester sconfitte contro club di quarta divisione in FA Cup, i primi casi di “Giant killig” del 2019

In FA cup gira tutto al contrario: un rigore nel finale elimina il Leicester: passa il Newport. Stessa sorte per il Fulham di Ranieri che sempre per un rigore vede l'Oldham uscire vincitore dal Craven Cottage. Ecco i primi casi di "Giant killig" del 2019.

L’FA Cup, coppa di lega inglese, ha abituato da anni gli amanti del calcio nel vedere corazzate costruite per la champions sgretolarsi contro squadre di… semi-professionisti. Le ultime vittime illustri di questa “bizzarra tradizione” sono il Leicester di Puel ed il Fulham di Ranieri.

Pirati alla deriva:

Harakiri del Fulham di Claudio Ranieri, sconfitto per 2-1 in casa dai semiprofessionisti dell’Oldham, formazione della quarta serie inglese (serie D). I cottagers erano passati in vantaggio con Odoi al 52′. Poi avviene il fattaccio: prima Sturridge (non quel Sturridge) al 76′ e poi Lang all’88’ hanno gelato il ‘Craven Cottage’. Sconfitta ancora più amara per i pirati di Ranieri pensando al rigore sbagliato da Mitrovic al 84′. Dentro questa giornata di FA cup c’è anche la storia di Pete Wild il quale è passato da essere tifoso della sua squadra del cuore a diventarne l’allenatore nel giro di pochi giorni, e cosa ancora più incredibile è riuscito nell’impresa di eliminare il Fulham, allenato da uno che di miracoli sportivi se ne intende.

Trappola per le volpi

Anche il Leicester a sorpresa, o forse no, termina la sua avventura in FA Cup. Sempre contro una squadra di quarta divisione, i giants’ killers in questione sono i giocatori del Newport County. Padroni di casa avanti con Matt dopo dieci minuti. Nel finale all’82’ le foxes hanno pareggiato con Ghezzal. Purtroppo per il Leicester due minuti più tardi la sfida è stata decisa da un rigore di Amond. A fine partita, Rachid Ghezzal ha parlato ai microfoni del canale ufficiale della società: “Siamo molto dispiaciuti. E’ un brutto risultato per noi, la coppa era un obiettivo per noi e per la società, per il mister e non abbiamo fatto niente per vincere oggi. Abbiamo avuto molte occasioni senza successo ed è un giorno molto brutto”.