Presidente Sampdoria scatenato

Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero è un personaggio che ormai abbiamo imparato a conoscere. Abbiamo imparato anche a pesare le sue parole, le quali ci strappano comunque sempre un sorriso ironico. Scherzi a parte, comunque, in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, Ferrero si è scatenato, parlando a 360° della Serie A ed in particolare dei presidenti di Lazio e Roma: “Lotito è indubbiamente il numero 1. Possiede una cultura ed una conoscenza superiori alla media, quasi quanto me. Purtroppo, però, c’è Claudio che è il più grande nemico di Lotito. Invece Pallotta è un miracolato, padrone di un sogno più grande di lui. Chi ca**o lo conosceva prima di prendersi la Roma? Come lo si può definire un imprenditore top? Ha chiesto 800 milioni a chi voleva la società e sono affari suoi. Se vuole gliela compro io, la Roma.”

“Io sarei matto? E gli altri 19 presidenti cosa sono?

Prosegue l’intervista di Ferrero: “I tifosi della Sampdoria non mi amano? Se il metro di giudizio sono gli show in tribuna… Però vorrei ricordare come era Bogliasco prima che prendessi la Sampdoria. Negli spogliatoio c’erano tre docce distrutte. Oggi abbiamo un progetto serio, la Samp avrà una nuova casa, avremo un museo ed i ragazzini non vivono più per strada. Abbiamo almeno una società dilettantistica consociata in ogni regione. Dicono anche che io sono matto, ma a mio parere io sono il più normale di tutti! Volete che vi parli degli altri 19 presidenti e di una Lega auto-commissariata? Siamo su scherzi a parte. Tutti imprenditori, manager, industriali e poi non riusciamo a metterci d’accordo nemmeno sull’acquisto di una penna. Alle cene c’è la gente che fa la fila per un selfie con i loro presidenti, ma l’unico che si ferma sono sempre io. Ci sono presidenti che se non vengono riconosciuti si buttano dal settimo piano. Io abito al primo…”