EuroU21, Italia-Polonia: le formazioni ufficiali del secondo match dell’Under 21 di Di Biagio

Archiviata la pratica Spagna, per l’Under 21 di Di Biagio è già tempo di pensare alla Polonia. Domani sera, alle ore 21:00, l’Italia se la vedrà contro i polacchi, usciti vittoriosi dalla sfida contro il Belgio, nella fantastica cornice del Dall’Ara di Bologna. I tre punti in cascina non possono lasciare tranquilli gli azzurrini. Infatti, solamente la vincitrice del girone ha la certezza di accedere alle semifinali. In caso di secondo posto bisognerebbe aspettare i responsi dagli altri raggruppamenti, perché solo la migliore tra le seconde potrà continuare il suo percorso ad EuroU21. Serve la vittoria a Chiesa e compagni per ipotecare il primato nel girone ed evitare brutte sorprese nell’ultima giornata, contro il pur sempre temibile Belgio. Nella gara inaugurale di Reggio Emilia, la Polonia ha sovvertito tutti i pronostici, dando dimostrazione di essere una squadra quadrata e cinica. Vietato sottovalutare i ragazzi di Michniewicz. Dopo la rimonta contro la Spagna, l’Italia di Di Biagio non vuole più fermarsi. L’imperativo è mantenere i piedi ben saldi a terra perché, si sa, una rondine non fa primavera e l’obiettivo è ben più ambizioso di vincere una sola partita.

Sponda Italia: come arrivano gli azzurrini dell’Under 21 alla gara con la Polonia

Il successo contro la super accreditata Spagna ha portato entusiasmo e convinzione nel gruppo azzurro. I maestri del tiki-taka sono caduti sotto i colpi di un indemoniato Federico Chiesa, che si erige ad uomo squadra della spedizione. Di Biagio punta forte sul talento viola per avere la meglio anche sulla Polonia. Non dovrebbero essere troppi gli accorgimenti rispetto alla gara di domenica. Meret dovrebbe essere confermato tra i pali, così come la coppia di centrali ManciniBonifazi, capace di annichilire le velleità di Borja Mayoral. Qualche dubbio in più per quel che concerne il pacchetto dei terzini. Dimarco ha chiuso il match in crescendo e dovrebbe ritrovare spazio dall’inizio, mentre Adjapong potrebbe essere preferito all’idolo di casa Calabresi, più votato alla fase difensiva. Il trio di centrocampo ha convinto dopo un avvio contratto, più per meriti di Ceballos&co. che per demeriti di Pellegrini, Mandragora e Barella. Il dubbio della vigilia riguarda il reparto offensivo, con Orsolini che insidia Zaniolo nel ruolo di esterno destro. Il colpo alla testa ricevuto dal romanista non preoccupa, ma Di Biagio potrebbe optare per un inserimento a gara in corso dell’ex Entella. Kean non ha trovato la via del gol, ma con ogni probabilità ritroverà una maglia da titolare. A completare l’undici, neanche a dirlo, Chiesa.

Qui Polonia: conosciamo meglio gli avversari dell’Italia

Tutti si aspettavano il Belgio, invece la Polonia è riuscita a strappare una vittoria fondamentale nella gara inaugurale di EuroU21. Nonostante un inizio di marca belga e il conseguente vantaggio di Leya, la formazione di Michniewicz non si è data per vinta. Alla mezz’ora, ha trovato la rete del pareggio con il sinistro da fuori di Zurkowski e la complicità del portiere Jackers. Nel secondo tempo, prima il centrale dell’Arsenal Bielik ha insaccato di testa il gol del sorpasso, poi Szymanski ha raccolto l’assist di un ispiratissimo Zurkowski e a porta sguarnita ha depositato in rete. Inutile, nel finale, l’incornata di Cools che ha fissato il risultato sul 3-2. Il centrocampista della Fiorentina Zurkowski e il neo acquisto della Dinamo Mosca Szymanski hanno fatto vedere le migliori cose tra le fila polacche. Da tener d’occhio anche l’ex Sampdoria David Kownacki, capocannoniere delle qualificazioni con 11 reti. La squadra allenata da Michniewicz sa rendersi molto pericolosa nelle palle inattive, grazie alla spiccata fisicità di alcuni elementi, e riesce ad essere pungente in contropiede, vista la qualità dei suoi uomini offensivi. Insomma, gli azzurrini sono avvisati. Vietato distrarsi, la Polonia è una squadra ostica e uno stop vanificherebbe la fatica del successo contro la Spagna.

Le formazioni ufficiali

ITALIA (4-3-3): Meret; Adjapong, Mancini, Bastoni, Dimarco; Barella, Mandragora, Lo. Pellegrini; Orsolini, Cutrone, Chiesa.

POLONIA (5-3-2): Grabara; Fila, Wieteska, Bielik, Bochniewicz, Pestka; Jagiello, Dziczek, Zurkowski; Kownacki, Szymanski.