Europa League, il punto della situazione dopo i match delle 19

EL, poche sorprese alle 19. Avanti Sporting e Lipsia

Sono stati 4 i match delle 19 validi per il ritorno dei quarti di finale di Europa League. Poche le sorprese, con le squadre che all’andata avevano ipotecato il turno che sono riuscite a difendere il risultato acquisito una settimana fa. Dopo la Lazio, di cui abbiamo analizzato la partita in precedenza, andiamo a fare un breve sunto degli altri 3 match.

Zenit out, brivido Sporting

La partita più eclatante è stata sicuramente quella tra Viktoria Plzen e Sporting. Dopo il 2-0 dell’andata infatti per i portoghesi sembrava dover essere una semplice formalità, contro una squadra in netta difficoltà anche in campionato. Ma la trasferta Ceca ha rischiato di diventare una vera e propria disfatta per i biancoverdi. Si è dovuto ricorrere infatti ai supplementari per decretare chi avesse passato il turno. Il VIktoria, sorretto dal proprio pubblico ha infatti ribaltato le sorti del match, chiudendo i 90′ sul 2-0 grazie ai gol di Bakos, autore di una doppietta. Dopo il rigore sbagliato da Dost in pieno recupero (92′),  ci ha pensato Battaglia al 105′ a chiudere il discorso qualificazione in favore dei biancoverdi. Il secondo match ha visto il Marsiglia vincere per 1-2 a Bilbao, dopo il 3-1 maturato in Francia una settimana fa. Decisivi i gol di Payet e Ocampos. Per gli spagnoli rete della bandiera di Williams. Espulso Aduriz. Nell’ultimo match in fine 1-1 in Russia tra Zenit e Lipsia. Al vantaggio ospite di Augustin, ha risposto Driussi. Anche qui Werner ha fallito il match-ball sbagliando il rigore dell’1-2. Tedeschi che comunque avanzano al turno successivo in virtù del 2-1 dell’andata.