Caso Emiliano Sala: nuovi sviluppi nelle indagini, ecco gli aggiornamenti

Nuovi aggiornamenti riguardanti la morte di Emiliano Sala da parte degli investigatori.

Emiliano Sala, ex attaccante del Nantes deceduto nel gennaio scorso. Foto:
Emiliano Sala, ex attaccante del Nantes deceduto nel gennaio scorso. Foto: "CNN Breaking News" (Twitter)

Novità riguardanti la morte di Emiliano Sala

Il caso riguardante la morte di Emiliano Sala sembra non avere fine. Gli investigatori hanno pubblicato nuovi aggiornamenti riguardanti l’incidente aereo costato la vita all’attaccante argentino ed al pilota. Secondo le analisi tossicologiche il livello di monossido di carbonio nel sangue di Sala del 58%, il che può provocare convulsioni e perdite di coscienza. Probabile che anche il pilota sia stato colpito dal gas, dato che in questo tipo di aereo la cabina di pilotaggio è collegata al resto del velivolo. Inoltre, secondo l’AAIB (Air Accidents Investigation Branch) la scarsa tenuta della cabina o le perdite nel sistema di riscaldamento o ventilazione dallo scarico potrebbero aver consentito al gas di entrare nella cabina. L’ AAIB ha pubblicato un secondo bollettino speciale sul velivolo Piper Malibu N264DB. Il bollettino evidenzia il pericolo dell’esposizione al monossido di carbonio sia nei velivoli con pistone che a turbina.

Arrestate due persone per aver pubblicato le foto dell’autopsia

La triste storia dell’attaccante argentino era tornata a far parlare di sè pochi giorni fa, questa volta per un fatto poco nobile. Due uomini inglese di 49 e 62 anni sono stati arrestati dopo che hanno avuto accesso alle riprese dell’autopsia di Sala e un immagine di essa circolava sui social. Inoltre è stato provato che uno dei due uomini avrebbe scattato una foto ad un altro corpo defunto. «Le azioni di Bray e Ashford hanno causato ulteriore angoscia e preoccupazioni inutili alle famiglie dei due defunti. Spero che le famiglie possano ora concentrarsi unicamente sui loro cari», ha dichiarato l’ispettore investigativo Gemma Vinton. La coppia per il momento è stata rilasciata su cauzione, ma si dovrà ripresentare davanti ai giudici il prossimo 20 settembre.