De Roon a La Gazzetta dello Sport: “Andremo oltre gli ottavi di Europa League”

Le parole di Marten De Roon rilasciate a La Gazzetta dello Sport, per mezzo delle quali ha potuto esprimere tutta la sua voglia di raggiungere altri grandi traguardi con la maglia dell'Atalanta

Terza stagione brillante per la Dea?

L’Atalanta di Gasperini sta vivendo le migliori stagioni, probabilmente, della sua storia. Insomma, un gioco spumeggiante, una serie di giocatori giovani bravi ed affidabili, richieste da tutta Europa. I top team ammirano questa squadra bergamasca che sta stupendo tutti giocando a calcio. Nella scorsa stagione, l’Atalanta è stata eliminata sfortunatamente agli ottavi di finale di Europa League, dal Borussia Dortmund. Ma i nerazzurri di Gasperini se la sono giocata alla pari, contro una squadra oggettivamente favorita. L’Atalanta dal canto suo ha fatto una bellissima figura e spera di ripetersi anche nel prossimo anno. Oggi è iniziata ufficialmente la nuova stagione e la Dea, come la passata annata non scenderà in campo per preparare i preliminari, grazie alla sentenza UEFA che ha escluso il Milan dalle coppe europee. Con i playoff di mezzo la squadra ne avrebbe risentito a metà stagione.

De Roon a La Gazzetta dello Sport: “Sarà difficile ripetersi, ma ci proviamo”

In attesa che si parta per il ritiro, il talentuoso centrocampista olandese Marten De Roon, ha avuto modo di parlare a La Gazzetta dello Sport, rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Io delle cessioni non so nulla. So solo che la squadra è basata su un’identità ben precisa, collaudata con molti giovani inseriti in organico. Mister Gasperini punta molto sui giovani, è un ottimo allenatore, lo si è visto con i vari Kessié, Gagliardini e Cristante. Quest’ultimo ha lavorato sodo per andare a giocare in una grande squadra come la Roma. Ci mancherà, però ora dobbiamo pensare alla nostra seconda chances in Europa League. Ripetersi sarà complicato, ma noi ci dobbiamo provare. Un anno fa eravamo la sorpresa, ora ci conoscono tutti un po’ meglio. Però bisogna dire che siamo maturati molto e siamo divenuti più esperti. Sono convinto che anche questa volta raggiungeremo gli ottavi, magari andando anche oltre.”