Venezia e Pisa uniche sorprese rilevanti

Si è chiuso il secondo turno di Coppa Italia. Tanti i gol messi a segno, ma poche le sorprese rilevanti. Tutto è iniziato sabato, con il primo match tra Ascoli e Viterbese, terminato clamorosamente 0-4 in favore dei laziali. Una caduta roboante da parte dell’Ascoli, contro una squadra di Serie C, così come accaduto anche a Carpi, dove la Ternana si è imposta 0-2 eliminando gli emiliani. Passano il turno regolarmente, invece, Spezia che batte la Sambenedettese ed il Cosenza a Trapani, partite terminate entrambe 2-1. Questo per quanto riguarda le quattro sfide del sabato. Ieri si sono giocate le altre sfide che hanno visto protagoniste le squadre di Serie B. Due le sorprese abbastanza clamorose: il Venezia che perde in casa contro il Sudtirol ed il Pisa corsaro a Cremona dopo i calci di rigore.

Lagunari dai playoff all’eliminazione contro i tirolesi

Clamoroso a Venezia, in quanto la nuova squadra, orfana di Pippo Inzaghi, andato ad allenare il Bologna, si trova eliminato dal Sudtirol solamente al secondo turno di Coppa Italia. Fa strano solo pensare che due mesi fa in questi tempi i lagunari si stavano giocando la promozione in Serie A, sfuggita solamente a causa di un Palermo oggettivamente superiore. Il cammino del Venezia in Coppa Italia termina qui, come quello della Cremonese. I lombardi sono stati decisamente più sfortunati, avendo perso ai calci di rigore contro il Pisa. Decisivi gli errori dal dischetto di Brighenti e Boultam. Per il resto nessuna sorpresa rilevante. Benevento batte Imolese 3-1 in casa, così come il Cittadella, 1-0 sul Monopoli. Vincono anche Entella, 3-0 sul Siena, e Padova 1-0 contro il Monza. Perugia sconfitto in casa 3-1 contro il Novara, stesso risultato di Foggia-Catania. Verona e Crotone a valanga su Juve Stabia e Giana Erminio, rispettivamente 4-0 e 4-1, mentre la Salernitana asfalta il Rezzato 6-1. Ai rigori passano Brescia sulla Pro Vercelli, il Palermo sul Vicenza, il Livorno ed il Pescara rispettivamente contro Casertana e Pordenone.