Coppa Italia, Milan-Inter: analisi e conseguenze del match

Il terzo derby cinese potrebbe avere conseguenze pesanti

Il secondo quarto di finale (il primo si è giocato ieri e ha visto la vittoria della Lazio sulla Fiorentina) di Coppa Italia vede il derby milanese  che si preannuncia infuocato. I rossoneri ci arrivano con il morale sotto i piedi dopo questo inizio di stagione disastroso: di buono c’ è solo il passaggio ai sedicesimi di Europa League. Dopo il cambio di allenatore, tra Montella e Gattuso, in campionato la squadra non riesce ad ingranare la marcia. Con Ringhio il Milan ha vinto solo la partita con il Bologna in casa, ha collezionato un pareggio (quello incredibile a Benevento) e poi 2 sconfitte con Hellas  e Atalanta.

Nemmeno l’Inter può sorridere più di tanto: dopo i 16 risultati utili consecutivi, i nerazzurri hanno perso 2 partite  con Udinese e Sassuolo. ll problema dell’Inter è la rosa corta e la panchina non adeguata. Nel momento cruciale ci vorrebbe un po di ossigeno dagli uomini poco impiegati ma non si stanno dimostrando all’altezza. Ora dovrà fare a meno anche di Miranda e D’Ambrosio che si sono infortunati nella partita del Mapei Stadium. L’unica nota positiva è stato l’impiego di Cancelo che ha dato verve al gioco sulle fasce dell’Inter anche se ha ancora bisogno di consigli nella fase difensiva. Spalletti dovrà dare anche un occhiata al campionato visto che sabato, alle 18, a San Siro arriva la Lazio in un vero e proprio scontro per il quarto posto.

Gattuso dovrebbe impiegare i migliori giocatori a disposizione: Donnarumma non ci sarà per un problema fisico al suo posto giocherà Storari. Davanti a lui ci saranno Bonucci e Romagnoli. A centrocampo Biglia sarà il faro del centrocampo con Kessiè e Locatelli ai suoi fianchi. In attacco torna Suso e Bonaventura sarà impiegato sulla sinistra. Scelte obbligate per Spalletti anche se il tecnico toscano è propenso ad un mini turn over. Nagatomo e Ranocchia tornano titolari, Joao Mario prenderà un posto sulla trequarti con Borja Valero in panchina. Anche Eder dovrebbe partire da titolare con Perisic pronto a subentrare durante il match.

Chi perde questo derby potrebbe finire in un vicolo cieco senza uscita: per il Milan sarebbe fondamentale passare il turno e ambire a vincere la Coppa. Ormai il campionato è compromesso e non riteniamo che possa vincere l’Europa League (anche se nel calcio tutto può succedere). L’Inter si può giocare ancora il quarto posto,  l’accesso alla Champions League, quindi la sconfitta potrebbe essere meno amara pensando al futuro. Però  3 sconfitte consecutive potrebbe essere pesanti psicologicamente e dare una mazzata tremenda alla banda di Spalletti. Sicuramente sarà un derby importante con le 2 squadre che vogliono regalare una gioia ai propri tifosi dopo un Natale abbastanza amaro.