Novembre 27, 2021

Calcio Mercato

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Calcio Mercato

Christian Pulisik dell’USMNT scrive il nuovo episodio “Toss a Zero” della vittoria di Weston McKenney sul Messico

Cincinnati – La pioggia di serenata è caduta da uno stand chiamato Bailey al TQL Stadium. Le loro parole erano tanto eccitanti quanto familiari.

Da due a zero! Da due a zero!

Sì, era un posto nuovo per la nazionale maschile degli Stati Uniti, e la magia è stata trasmessa alla nuova generazione di giocatori, ma ha dato lo stesso senso di soddisfazione alla squadra americana che ha battuto il Messico 2-0. Obiettivi polizia cristiana e Weston McKenney Il percorso verso la qualificazione ai Mondiali del 2022 dovrebbe dargli tre punti chiave.

– Guarda in streaming il replay della vittoria per 2-0 dell’USMNT sul Messico su ESPN +
– ESPN + Guida del pubblico: LaLiga, Bundesliga, MLS, FA Cup e altro
– Niente ESPN? Ottieni l’accesso istantaeo

Ha vinto con quel risultato contro gli Stati Uniti per la sesta volta in un secolo ? In una partita competitiva. La maggior parte di loro è arrivata al Crow Stadium di Columbus, Ohio, ma il TQL Stadium si è rivelato comodo, con una folla gremita che ha aiutato a godersi ogni grammo di vantaggio in casa degli Stati Uniti. Il risultato ha segnato una rara striscia di tre vittorie consecutive contro il Messico, la prima dalla metà degli anni 2000 e la prima in un anno solare.

“Capiscono quello che stiamo facendo e capiamo di cosa stanno parlando”, ha detto Pulicic. “Questo è ciò che rende una grande partita. Sono così entusiasta di tornare al top stasera. Sappiamo che sarà sempre una bella partita contro il Messico e ottenere tre punti ci aiuta a rimanere molto vicini. Dobbiamo qualificarci per il Coppa del Mondo.”

Ma questa vittoria non riguarda la storia come lo è ora. Nella notte, che ha visto un po’ di tensione nelle posizioni ottagonali, la vittoria ha tenuto gli Stati Uniti sulla buona strada per la qualificazione ai Mondiali. Gli Stati Uniti sono ora davanti al Messico di 14 punti. Aveva un punto di vantaggio sul Canada – una vittoria per 1-0 sul Costa Rica – e un vantaggio di tre punti sul Panama, che è tornato da un vantaggio di 2-0 a una vittoria in trasferta per 3-2 contro l’Honduras. Gli Stati Uniti sono ora in procinto di ottenere più respiro attraverso un incontro in Giamaica martedì.

READ  La crescita dell'occupazione negli Stati Uniti riprende slancio; La carenza di manodopera persiste

L’aspetto più stimolante della serata è stato come questo gruppo di giovani giocatori ha fatto un ulteriore passo avanti. Non è come la finale della Nations League dello scorso giugno o la finale della Gold Cup di agosto, in cui gli Stati Uniti facevano molto affidamento sulla difesa e sul portiere per segnare gol su calci piazzati. In questa partita, gli Stati Uniti sono stati aggressivi con la loro stampa e hanno preso il loro posto in termini di possesso palla. Quasi tutti i giocatori in campo si sono comportati meglio. Fila posteriore, di testa Walker Zimmerman e Miles Robinson Il Messico ha silenziato l’attacco. Il centrocampo ha gradualmente preso il controllo, a 18 anni Yunus Musa La sua squadra d’attacco si è dimostrata molto efficace nell’assestare i giocatori. e Timothy Wea Il lato sinistro della difesa del Messico si è goduto la notte della bandiera che ha perseguitato.

Nel giro di una settimana, è stata costruita la parola “onore” e il portiere del Messico Guillermo Ochoa Quando l’America si guarda allo specchio, vuole essere come il Messico, che è un incontro in cui l’America ha dato pieno valore al suo successo.

Tuttavia, l’approccio americano ha richiesto pazienza, oltre a mantenere alcune paure nel primo tempo, in cui alcuni premi a centrocampo hanno creato opportunità. ?. Per fortuna il portiere Zach Stefano È stato particolarmente acuto nella negazione Hirving Lozano Al 18′ minuto.

Ma l’approccio di Berholder è stato quello di indossare il Messico, e nel secondo tempo la pressione ha cominciato a crescere e le opportunità hanno cominciato a emergere. Weeh, in particolare, ha inseguito incroci pericolosi che non potevano essere modificati dagli Stati Uniti. Il salvataggio di Memo Ochoa su drive di McKinney al 49′ ha dato l’impressione che potesse essere una di quelle notti in vista del gol per gli Stati Uniti.

“Abbiamo iniziato ad andare alla deriva nel secondo tempo, specialmente nei primi 20 minuti”, ha detto Berholder. “Questo è l’effetto che abbiamo sugli avversari. Possiamo essere aggressivi premendo e girando intorno alla palla e con la palla, e quando li girano verso la propria porta, può essere molto impegnativo”.

Gli Stati Uniti vedono la svolta al 74′ e Weeh, al centro dell’azione, evita l’attenzione. Gesù Gallardo Per mettere una croce che ha fatto un cenno al poliziotto che è entrato in partita cinque minuti fa.

La speculazione pre-partita era quanto la polizia sarebbe stata coinvolta in questa partita. Ha giocato un totale di 21 minuti per il Club Side Chelsea da quando ha subito un infortunio alla caviglia contro l’Honduras a settembre. Ma la sua presenza ha dato impulso immediato agli Stati Uniti, e non appena si è convertito al buddismo, si è assicurato di inviare un messaggio in Messico, rivelando una maglietta con la scritta “Man in the Mirror”.

Ma è stato un gol di Via, il progresso dell’attaccante del Lily nel turno di qualificazione ai Mondiali, che è stato cruciale per gli Stati Uniti per mantenere le speranze di qualificazione. Un incontro con Berholder dopo la sconfitta di Panama ha rinfrescato l’attenzione di Via, ed è diventato chiaro quando ha costretto il vincitore della partita contro il Costa Rica il mese scorso. Oltre all’impegno nell’assistere la difesa, l’esterno ha cementato la presa su uno dei punti.

“Per quanto mi riguarda, gioco con la mia squadra di club, quindi è incredibile che sia venuto qui e abbia giocato”, ha detto. “È così divertente stare con i ragazzi. L’abbiamo eseguito stasera. Questa è la cosa più importante”.

Weeh ha anche rivelato che la maglietta “Man in the Mirror” è stata fatta da sé. Diandre Yatlin.

“Prima della partita, il Messico ha fatto un sacco di discorsi fumosi e batterli li chiude”, ha detto Weih. “Dobbiamo vincere costantemente le partite e continuare a sconfiggerle, è l’unico modo per guadagnare il loro rispetto e il rispetto del mondo. Ma ora siamo su una strada migliore e penso che il futuro sia luminoso”.

Il difensore centrale Robinson è stato espulso all’85’ per due cartellini gialli e un cartellino giallo preso da McKennie è stato l’unico aspetto negativo della serata a vedere entrambi squalificati per la matematica giamaicana. Proprio come lo era Robinson, la perdita delle figure di McKennie è stata tagliata in profondità. Nonostante la sua sospensione di due partite a settembre per aver violato il protocollo Covid-19 della squadra, McKennie rimane il centro emotivo di questa squadra americana ed è salito al livello di ostilità quando si unisce alla polizia ed è associato al Messico.

Ma questi intoppi potrebbero essere necessari per evitare la sconfitta contro una frustrata squadra giamaicana dopo il pareggio nel finale con El Salvador venerdì.

“Ora dobbiamo vincerne tre di fila [against Mexico] Ovviamente sorprendente. Ma questo non significa che dobbiamo essere compiacenti, pensiamo di essere i migliori “, ha detto Pulicic. “Ora si concentra sulla Giamaica. Quindi deve davvero andare avanti e vogliamo continuare a dimostrare al mondo di cosa tratta questa squadra e di cosa è capace questa nazionale”.

La fiducia sta crescendo all’interno di questa squadra americana, qualcosa che corrisponde al suo potenziale. Anche i festeggiamenti post partita hanno preso aria fresca. Come “Da due a zeroLo stadio “Cheers How, Man in the Mirror” di Michael Jackson ha suonato nell’ambiente PA. Una nuova generazione sta lasciando il segno.