Chelsea-Sarri: impatto da capogiro! Il tecnico dei Blues conquista subito i suoi nuovi tifosi

Chelsea-Sarri: entusiasmo alle stelle per il tecnico toscano. I Blues vincono e convincono con un gioco brillante nel segno del nuovo allenatore.

Chelsea-Sarri: un matrimonio partito col piede sbagliato

La sconfitta per 2-0 contro il City nel Community Shield aveva fatto storcere la bocca a più di qualcuno sul nuovo tecnico. A creare un clima sfavorevole attorno all’allenatore toscano non solo la mancata vittoria nella prima gara ufficiale sulla panchina dei Blues, ma anche la difficile eredità lasciata da Antonio Conte, la cessione di Courtois al Real Madrid ed un calciomercato al di sotto delle aspettative. A Londra in molti avranno pensato che quell’uomo in scarpe da ginnastica e tuta sportiva, con il mozzicone di sigaretta sempre in bocca non sarebbe stato affatto adeguato ad una realtà così importante.

Chelsea-Sarri: 180′ per ribaltare ogni perplessità

Sono bastati 180′ a Maurizio Sarri per convertire le perplessità di inizio stagione di tifosi e bookmakers in applausi ed elogi. L’ex partenopeo è uno stacanovista, lavora duro con la squadra per preparare al meglio l’esordio stagionale, vuole che sia il campo a parlare. Così contro i neopromossi dell’Huddersfield, va in scena l’esordio in Premier del nuovo Chelsea. Buona la prima, i blues vincono 3-0 senza mai soffrire gli avversari, mostrando un calcio propositivo, fatto di possesso palla e concretezza. Il tecnico si proietta subito verso la sfida successiva, il derby londinese contro l’Arsenal di Unai Emery. La prima mezz’ora dell’esordio del toscano sulla panchina di Stamford Bridge è da sogno, il Chelsea si porta in vantaggio 2-0, giocando un grandissimo calcio. I Gunners però non demordono e in 4 minuti pareggiano i conti, sfruttando un inaspettato calo dei blues. All’80’ il gol di Marcos Alonso regala a Sarri i 3 punti e i primi applausi dai suoi nuovi tifosi, nel suo nuovo stadio.

La filosofia calcistica di Sarri adesso parla inglese

Pare che i tifosi del Chelsea abbiano trovato il loro nuovo beniamino. Non solo perché Maurizio Sarri ha portato a casa 6 punti nelle prime due uscite stagionali, ma per lo stile di gioco mostrato in campo. Sembra che l’allenatore sia già riuscito ad imprimere i suoi marchi di fabbrica a questa squadra. Tanto possesso palla, ritmo, corsa e dinamismo, oltre all’immancabile 4-3-3, modulo attraverso cui il gioco scintillante dell’ex banchiere di Bagnoli prende forma. La capacità che va riconosciuta a Maurizio Sarri è quella di riuscire a trasmettere ai suoi giocatori, attraverso la cura dei dettagli, un’idea di calcio personalissima devota alla spettacolarità. I giocatori imparano la tattica e percependo la passione del mister, riportano in campo le sue idee, con lo stesso entusiasmo e pragmatismo dell’allenatore, facendo innamorare tifosi ed addetti ai lavori.

Jorginho: l’allievo non delude le aspettative del maestro

Da annotare i segnali positivi mostrati da Jorginho. L’italo-brasiliano in gol su rigore nella prima uscita stagionale, sembra essersi subito integrato nel nuovo campionato. Il regista é stato fortemente voluto dal suo ex allenatore. La scelta di affidare le chiavi del centrocampo ad un giocatore già allenato a Napoli, rappresenta una grande dimostrazione di continuità rispetto alle idee di gioco mostrate dal tecnico toscano negli ultimi anni. L’ex Verona dal canto suo si é dimostrato, finora, all’altezza dei 65 milioni sborsati da Abramovich per accontentare il suo nuovo tecnico. La maglia dei Blues gli calza a pennello e sembra già essere diventato il fulcro del progetto di Sarri.

Chelsea-Sarri: la squadra è con lui!

Della cura Sarri ha beneficiato senza dubbio Morata, in gol contro l’Arsenal. Lo spagnolo in settimana ad esprimere parole di gradimento per il nuovo mister e per il suo calcio, anche con qualche polemica verso Antonio Conte: “Sarri ha voluto che restassi e ha subito mostrato di saper valorizzare le mie caratteristiche: lo scorso anno c’erano tanti lanci lunghi e io dovevo proteggere il pallone, che non è la mia specialità, ora invece posso attaccare gli spazi”. L’ attaccante potrebbe rilanciarsi in questo nuovo Chelsea, lasciandosi alle spalle una stagione deludente. Non è solo l’ex Real Madrid a tessere le lodi del suo nuovo mister, ma anche chi in estate al Real Madrid ha strizzato l’occhio e che ora sembra essere l’uomo chiave del Chelsea sarriano: Eden Hazard. Il talento belga ha  dichiarato: “Abbiamo buoni giocatori e possiamo fare qualcosa di speciale con un manager così. È un grande allenatore”.

In Inghilterra già lo chiamano Sarri-Ball

Insomma sembra che il toscano sia già riuscito a trasmettere ai suoi la sua filosofia calcistica, quella che per anni ci ha fatto divertire in serie A e che ora sta conquistando la Premier League. In Inghilterra già lo chiamano “Sarri-Ball“, un termine a tinte spiccatamente British per esprimere quello che per anni in Italia abbiamo definito “Sarrismo”. L’allenatore toscano sta cucendo a sua immagine e somiglianza questo Chelsea. La stagione è ancora lunga ed è ancora troppo presto per poter giudicare l’operato del mister; certo é che Maurizio Sarri ha avuto un impatto importante con la Premier League ed è già riuscito a far breccia nel cuore dei suoi nuovi tifosi.