Chelsea-Leicester 1-1: Ndidi risponde a Mount, Lampard ancora a secco

Tra Chelsea e Leicester finisce 1-1, Lampard rimanda ancora l'appuntamento con la prima vittoria.

Una delle immagini dal match di Stamford Bridge tra Chelsea e Leicester. Foto:
Una delle immagini dal match di Stamford Bridge tra Chelsea e Leicester. Foto: "Premier League" (Twitter)

Chelsea-Leicester 1-1: Primo tempo

Partono fortissimo i Blues, desiderosi di conquistare la prima vittoria stagionale e motivati dal ritorno di Franck Lampard a Stamford Bridge. Il vantaggio arriva dopo appena 7 minuti, quando Mount recupera un ottimo pallone al limite dell’area e lo infila all’angolino basso. La squadra di casa legittima il vantaggio nei minuti successivi, quando ancora Mount e poi Kantè vanno vicini al raddoppio. Le Foxes si fanno vedere alla mezz’ora, quando Kepa rischia di farsi soffiare il pallone da Vardy in piena area di rigore. Ma il primo tempo è di marca Chelsea, che va al riposo meritatamente in vantaggio.

Chelsea-Leicester 1-1: Secondo tempo

Nel secondo tempo però, scende un campo un altro Leicester. Maddison va vicinissimo due volte al pareggio, ma la squadra di Rodgers tiene il pallino del gioco in mano e alza il proprio baricentro. Il pareggio è solo questione di tempo. Al 68′ infatti, sugli sviluppi di calcio d’angolo battuto da Maddison, Ndidi stacca indisturbato in area di rigore infilando alle spalle di Kepa il gol dell’1-1. Episodio che spacca la partita in due. Lampard non ci sta a steccare l’esordio davanti al proprio pubblico, il suo Chelsea si sbilancia e concede delle praterie a Vardy e compagni. Di fatti le migliori occasioni nel finale sono per gli ospiti. Prima con Maddison, che in area di rigore riesce a saltare un difensore salvo poi tirare alto sopra la traversa, poi con lo stesso Vardy, che sfiora il palo alla sinistra di Kepa, ed infine con Tielemans, che dal dischetti del rigore trova la risposta con i pugni del portiere spagnolo. Finisce così una partita bellissima. Da una parte il Chelsea conferma la bontà del proprio progetto, ma Lampard ha ancora molto lavoro da fare e la sensazione è che i problemi di solidità di questa squadra non si risolveranno in tempi brevi. Dall’altra il Leicester si dimostra una delle più plausibili outsider di questa Premier League. Chiunque si ritroverà di fronte l’11 di Brendan Rodgers, non avrà di certo vita facile.