Champions League, la più bella edizione di sempre: mai tanti colpi di scena nella storia della competizione

Champions League miglior edizione / Quella che il 1 giugno 2019 si concluderà con la finale tra Liverpool e Tottenham è la più bella edizione mai giocata della Champions League. Nella storia della competizione, ci sono stati spesso colpi di scena incredibili, come per esempio la rimonta in finale del Liverpool sul Milan a Istanbul, ma non ne sono mai avvenuti tanti come quest’anno. Analizzando solamente la fase a eliminazione diretta, si possono citare la rimonta della Juventus sull’Atletico Madrid, l’exploit dell’Ajax sia contro il Real Madrid, sia contro la Juventus, il clamoroso quarto di finale tra Tottenham e Manchester City, finito 4-3 per gli Spurs con un gol annullato agli Skyblues all’ultimo secondo. Infine, ma solo cronologicamente, l’incredibile rimonta da 0-3 a 4-3 del Liverpool al Barcellona e la equamente incredibile rimonta del Tottenham sull’Ajax da 2-0 a 2-3 in soli 45 minuti. Serve aggiungere altro?

Momenti memorabili

Gli anni 2000 sono stati anni memorabili per quanto riguarda la Champions League, soprattutto negli anni in cui a dominare in Europa c’era il Milan di Carlo Ancelotti, in finale tre volte in pochi anni. Sicuramente, è stata molto emozionante l’edizione 2002-2003, quella in cui si trovarono tre squadre italiane in semifinale. Da una parte, il derby della Madonnina tra Milan e Inter; dall’altra, la Juventus contro il grande Real Madrid. Da questi incontri, ne uscirono vittoriose Milan e Juventus, con i bianconeri autori di una grandissima rimonta al Delle Alpi firmata Trezeguet, Del Piero e Nedved. I rossoneri, invece, la spuntarono dopo un doppio pareggio nel derby. Nella finale di Manchester, i calci di rigore premiarono il Milan, che alzarono la Coppa dalle Grandi Orecchie per la sesta volta nella loro storia.

Sempre i rossoneri furono protagonisti dell’altra edizione grandiosa di quegli anni, ma stavolta i tifosi rossoneri non avranno un ricordo molto piacevole. Si parla, infatti, dell’edizione 2004-2005, quando i rossoneri tornarono in finale, stavolta contro il Liverpool, dopo aver eliminato il PSV in semifinale. Nel primo tempo, il Milan passò in vantaggio di addirittura 3 gol, con le reti di Maldini e la doppietta di Crespo. Nella ripresa, però, il Liverpool rimontò di tre gol in soli sei minuti con le reti di Gerrard, Smicer e Xabi Alonso, per poi vincere la partita ai rigori.

In mezzo tra queste due edizioni, come non dimenticare l’impresa del Porto di Mourinho nel 2004, edizione indimenticabile per l’exploit clamoroso della squadra lusitana e del Monaco di Deschamps, l’altra finalista. Da quel 26 maggio 2004, nacque la storia di José Mourinho, che poi avrebbe condotto anche l’Inter sul tetto d’Europa. Il suo grande rivale, Pep Guardiola, avrebbe vinto quella coppa per la prima volta solo 5 anni dopo.