Champions League, Juventus-Ajax 1-2: analisi del match. Bianconeri eliminati!

La Juventus viene clamorosamente eliminata dalla Champions League di fronte ad un Ajax straordinario. Cristiano Ronaldo porta in vantaggio i bianconeri, ma prima Van de Beek e poi De Ligt ribaltano il risultato. I lancieri volano così in semifinale.

PRIMO TEMPO

Parte bene la Juventus che attacca alto l’Ajax fin dall’inizio. Onana corre un grande rischio rinviando addosso a Emre Can. L’Ajax prova a reagire con Van de Beek che dal limite dell’area mette alto. Dall’altra parte Dybala ci prova con una conclusione da fuori sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma Onana effettua una parata plastica. Al 30′ la partita si sblocca: cross di Pjanic per il solito Cristiano Ronaldo che di testa porta in vantaggio i bianconeri. Ancora Ronaldo sfida Sinkgraven nell’uno contro uno e cerca il raddoppio calciando alto. Al 34′ su un tiro sbagliato da Tadic la palla capita sui piedi di Van de Beek che a tu per tu con Szczesny non sbaglia.

SECONDO TEMPO

Dagli spogliatoi torna in campo solo una squadra ed ha la divisa biancorossa. Dopo un’azione travolgente Ziyech calcia sul primo palo e costringe Szczesny al miracolo. Van de Beek ci prova con una splendida conclusione a giro su cui è ancora una volta straordinario l’estremo difensore bianconero. La Juventus prova a farsi vedere con Kean che calcia sul fondo sul servizio di Cristiano Ronaldo. Su un’altra ripartenza dell’Ajax Pjanic è bravissimo a entrare in scivolata e fermare Ziyech. Al 68′ però i lancieri trovano il meritato vantaggio: cross da calcio d’angolo e De Ligt stacca più in alto di tutti facendo 1-2. L’Ajax continua ad attaccare e Neres si divora il tris su assist di Ziyech. La Juventus prova a scuotersi con i colpi di testa di Kean e di Ronaldo, all’Ajax viene annullato il gol di Ziyech per fuorigioco. Nel finale la squadra di Allegri sembra piuttosto bloccata e non riesce più a reagire di fronte allo strapotere olandese.