Messaggi di protesta da parte dei calciatori

É sempre più caos in Serie B e Serie C. Non si placano le polemiche in merito al prossimo campionato a 19 squadre nel torneo cadetto, con relativa sospensione ai ripescaggi. O almeno per il momento. Intanto sui social si sono scatenati i calciatori contrari a questo nuovo format che ha generato confusione totale sia in B che in C. Tutto ciò potrebbe avere anche delle ripercussioni sulla Serie A. Messaggi di protesta condivisi in massa da parte dei calciatori di Serie C che si sono schierati dalla parte del presidente dell’AIC Damiano Tommasi, il quale avrebbe ideato uno sciopero. Ma non è tutto: il vicepresidente Umberto Calcagno ha affermato quanto segue: “Noi abbiamo l’intenzione di non fare iniziare i campionati di Serie B e Serie C. Noi stiamo chiamando i vari calciatori del campionato cadetto per sapere quali siano le loro intenzioni. Chi sta avallando la situazione non ha ben capito quali potrebbero essere le conseguenze: si parla di una Serie A a 16 squadre. Chi ora guadagna 1 milione rischia di perderci molto di più.”