Serie A 2018/19, quanti cambiamenti tra Calciomercato e Boxing Day: decisioni corrette o sbagliate?

Serie A 2018/19, quanti cambiamenti tra Calciomercato e Boxing Day: decisioni corrette o sbagliate? – Nella riunione annuale di ieri, la Lega Serie A ha deciso di rivoluzionare il nostro campionato. Tra mercato, vacanze e Supercoppa: giusto o sbagliato farlo?

Calciomercato, chiusura anticipata

Questo, probabilmente, è un verdetto che mette tutti d’accordo. Si critica da anni il fatto che, ad inizio campionata, la squadra e l’allenatore siano costantemente disturbati dagli innumerevoli cambi di casacca. In effetti, giocare la 1^ giornata con una squadra, e giocare la 2^ con un’altra, non è proprio il massimo. La Lega, però, ha rimediato a questo scompiglio, anticipando la chiusura di entrambi i mercati – estivo ed invernale – 24 ore prima della prima partita (rispettivamente 18 agosto e 19 gennaio). Con questo provvedimento, quindi, l’Italia va di pari passo con l’Inghilterra, che optò anzitempo per questo cambio. Cambio che, a conti fatti, è tutto fuorché negativo: decisione giustissima ed intelligente.

Boxing Day: niente vacanze di Natale per la Serie A

Altro giro, altra decisione forte. E anche qui, la Lega percorre parallelamente la scia della Premier League, che compie ormai già da anni questo trio natalizio di partite di campionato. Infatti, secondo quanto scelto anche da Malagò, la Serie A non si fermerà affatto a Natale: si giocherà 22, 26 e 29 dicembre, con una successiva sosta fino al 13 gennaio. Durante questa stagione, ci si era già avvicinati a questo tipo di formula, inserendo un turno il 23 dicembre. Ora, però, ci siamo: il cosiddetto Boxing Day sbarca anche in Italia.

Capitolo Supercoppa: sempre in Italia, dipende dalle società

Anche per quanto riguarda la Supercoppa Italiana, la Lega Serie A ha deciso di varare qualche cambiamento. La scorsa edizione, finalmente, si è giocata all’Olimpico di Roma, dopo tre edizioni di altalena fra Qatar e Cina. Paesi lontani e praticamente irraggiungibili per i tifosi: qualcosa che è stato attuato solo per il business. Malagò ha parlato anche su questo, riferendo: “Vorremmo farla a Roma, ma dipende dalle due società coinvolte. Sarebbe bello anche se si giocasse in una città d’arte, per coinvolgere il pubblico con Ferragosto alle porte”. Infatti, l’edizione 2018 è in programma per il 12 agosto, confermando la data del 13 agosto scelta per l’edizione precedente.