Ipotesi Serie B a 19 squadre (per quest’anno)

Paradossale quanto sta accadendo nei campionati sotto la Serie A. Sembra una partita a Monopoli, dove tra tribunali e conti in sospeso si sta andando verso un punto di non ritorno. Ieri doveva essere la giornata chiave riguardante la compilazione della griglia di partenza della prossima Serie B. Era atteso per le 16 il comunicato con cui la FIGC avrebbe spiegato i criteri di ripescaggio per portare il campionato nuovamente a 22 squadre. Ma di esso nessuna traccia. Molte complicazioni hanno portato la Lega B ad ipotizzare un torneo a 19 squadre, ma in ballo vi è ancora la questione ricorso della Virtus Entella riguardante la potenziale squalifica del Cesena dallo scorso campionato. Si è in attesa anche della sentenza Corte Federale d’Appello. Però, non tramonta l’idea di giocare questo campionato con 19 squadre riportandolo a 20 nella prossima stagione, inserendo una quinta promozione dalla Serie C alla Serie B. Una soluzione che scontenterebbe chi ha presentato il ricorso per un possibile ripescaggio in cadetteria, come Ternana, Pro Vercelli, Robur Siena e Novara. Queste società avrebbero in mente di tenere una conferenza stampa chiedendo a gran voce di essere ammesse in Serie B, andando di fatto allo scontro frontale con la Lega.

Serie B e Serie C nel caos totale

Ma non è tutto: il Catania ha anche festeggiato la promozione nel proprio stadio, mentre sono ancora in ballo i ricorsi di Ternana e Pro Vercelli contro il ripescaggio del Novara, la FIGC, la Lega Serie A, la Lega Serie B e contro se stesse. Tutto ciò mentre in Serie C ben 13 club hanno presentato un esposto per ottenere la permanenza in Lega Pro, pur non avendone requisiti. Si tratta di un attacco diretto contro il Bari che vorrebbe essere riammesso in Serie C assieme a Messina e Taranto senza passare dal campo. Ci si trova in una situazione di caos straordinario dal quale difficilmente se ne uscirà a breve in quanto parecchie società sono coinvolte. Sembra di essere tornati al 2003, quando per accontentare tutti si bloccarono retrocessioni, portando la Serie B a 24 squadre. A questo punto è veramente difficile ipotizzare un inizio di campionati senza problemi. Il tutto coinvolge anche la Serie A con il Chievo che ancora oggi non sa se potrà disputare l’intero campionato. Un tutti contro tutti senza eguali, che fa solo male al calcio italiano.