Atletico Madrid, gli addii di Godin e Griezmann segnano la fine di un ciclo: le prospettive per il nuovo corso del Cholo Simeone

Godin, Lucas Hernandez ed infine Griezmann, più le probabili partenze di Juanfran e Filipe Luis. Questo è il borsino delle uscite in casa Atletico Madrid. Il bilancio è drammatico, mai da quando Simeone siede sulla panchina dei Colchoneros si è assistito ad una diaspora di tali proporzioni. L’Atletico Madrid dovrà sopperire ai numerosi addii, sia a livello qualitatitivo che carismatico, impresa non facile quando nella lista dei partenti sono presenti Godin e Griezmann. L’unica nota positiva sono i 200 milioni incassati dalle cessioni dei due campioni del mondo, che permettono una discreta libertà di manovra sul mercato.

Le basi da cui Simeone può ripartire

Prima di pensare al mercato, la dirigenza Colchonera e Simeone dovranno fare i conti con chi resterà all’ombra del Wanda Metropolitano. Confermatissimo tra i pali Oblak che con l’Atletico è diventato uno dei migliori interpreti al mondo del ruolo e ha contribuito alla causa con numerose parate che si sono tramutate in punti preziosi. Il reparto difensivo è forse il più martoriato dalle partenze estive. Alla dipartita di capitan Godin, si dovrebbero aggiungere quelle di Juanfran e Filipe Luis, anche loro a parametro zero. Tutti e tre rappresentano la massima espressione del Cholismo. Spetterà a Gimenez raccogliere l’eredità del connazionale Godin. A centrocampo la situazione è piuttosto serena. Koke e Saul saranno i nuovi scudieri dell’anima Colchonera, mentre il classe ’96 Rodri è sempre più il perfetto sostituto di Gabi. Sulla trequarti offensiva si addensano delle nubi preoccupanti. Il più grande punto di domanda è rappresentato da Lemar. Il francese non ha convinto nella sua prima stagione e i 70 milioni investiti pesano sulla reputazione dell’ex Monaco. Probabile che Correa trovi più spazio, ma è palese che il vuoto lasciato da Griezmann dovrà essere colmato via mercato. Per quel che concerne gli attaccanti, prosegue il prestito di Morata fino a giugno 2020, mentre Diego Costa è chiamato ad un’annata di tutt’altro spessore rispetto alle sole 5 reti messe a segno in stagione.

Calciomercato Atletico: le idee per sostituire Godin e Griezmann

Le cessioni di Lucas Hernandez e Antoine Griezmann frutteranno alle casse dell’Atletico Madrid 200 milioni circa. I reparti che necessitano investimenti sono sicuramente quello difensivo e la trequarti offensiva. Gli occhi del Cholo Simeone sono sempre puntati verso l’Italia. Ecco perché tra gli obiettivi di mercato per la difesa Colchoneros ci sono Manolas e Milenkovic. Il greco è destinato a lasciare Roma già da qualche anno e la valutazione di 50 milioni è conforme alle potenzialità dell’Atletico. Qualche milione in più è valutato Milenkovic dalla Fiorentina, complice l’interessamento del Manchester United e la giovane età del serbo. La corsia preferenziale tra Simeone e gli argentini ha portato ad accostare i nomi di Dybala e Icardi all’Atletico Madrid. Se il bianconero è particolarmente indicato per sostituire Griezmann, stesso discorso non può essere fatto per l’ex capitano interista. Difficile che l’Atletico decida di investire 80 milioni su una prima punta, salvo addio di uno tra Morata e Diego Costa. Il nome nuovo è quello di James Rodriguez che non ha convinto il Bayern Monaco e potrebbe non essere riscattato dai bavaresi. Tra Atletico e Real, Madrid si candida ad essere la capitale del calciomercato estivo.