Atalanta, Il Corriere di Bergamo titola: “La Dea non aspetta il Milan”

Oggi probabilmente si conoscerà il futuro del Milan legato alla qualificazione in Europa League. Nel caso in cui il club dovesse venire escluso dalla competizione, a giovarne sarebbero Atalanta, che salterebbe i preliminari, e Fiorentina che ritornerebbe a giocare in Europa League a distanza di 3 anni

Oggi è il giorno decisivo

La UEFA oggi dovrebbe esprimersi in merito al caso legato alla qualificazione del Milan in Europa League. Sono ore d’attesa per i tifosi rossoneri, che sperano in un eventuale sconto da parte dell’organizzazione per vedere giocare la propria squadra in grandi palcoscenici europei. Però le notizie che filtrano non sono buone, in quanto tutto sembra portare all’esclusione del Milan dall’Europa League. Queste sono le voci che giungono da Nyon. Nel caso in cui oggi non venisse presa decisione alcuna, sarà necessario attendere le prossime 48 ore. Intanto i vertici del Milan sono già arrivati a Ginevra da un giorno. Molto probabilmente oggi, e non più tardi di giovedì, si saprà se il lavoro svolto dal club rossonero nella scorsa stagione è valso il sesto posto in classifica con annessa qualificazione in Europa League.

Atalanta e Fiorentina seguono con interesse la vicenda

Si potrebbero aprire degli scenari impensabili fino allo scorso maggio. La UEFA però non sembrerebbe stia svolgendo un lavoro eccelso, in quanto a volte pare utilizzi due pesi e due misure per giudicare tali situazioni legate al Fair Play Finanziario. Ma in questo momento non ci interessa. Ora bisogna considerare quali potrebbero essere gli scenari. In caso di esclusione, ne gioverebbe innanzitutto l’Atalanta, arrivata settima in campionato e di fatto qualificata ai preliminari di Europa League. Ma non solo: di tutto ciò potrebbe giovarne anche la Fiorentina che in campionato ha terminato la corsa all’ottavo posto. Se il Milan dovesse essere squalificato, l’Atalanta eviterebbe i preliminari, una cosa non da poco, in quanto priverebbe la Dea di energie fisiche notevoli. Nonostante tutto, come riporta anche Il Corriere di Bergamo’ titola: “L’Atalanta non aspetta il Milan”. Gasperini, infatti, ha fissato il raduno al 4 luglio, una data anticipata appunto per prepararsi al meglio per i preliminari di Europa League. Indipendentemente da ciò che verrà deciso a Nyon, l’Atalanta si radunerà quel giorno, anche senza dover disputare i preliminari di fine luglio.