Ajax: Eredivisie in tasca, ripercorriamo la stagione dei Lancieri

L'Ajax torna campione in Eredivisie. Ripercorriamo tutto il cammino di questa stagione dei Lancieri.

L'Ajax torna campione in Eredivisie. Ripercorriamo tutto il cammino di questa stagione dei Lancieri.
L'Ajax torna campione in Eredivisie. Ripercorriamo tutto il cammino di questa stagione dei Lancieri.

Ajax: Eredivisie conquistata, il racconto: un avvio difficile

Una delle grandi sorprese di questa stagione, di sicuro una squadra che dalle parti di Amsterdam ricorderanno molto a lungo. Un cammino partito da lontano per i ragazzi di Ten Hag, addirittura il 25 luglio con l’andata del 1° turno preliminare di Champions League contro lo Sturm Graz. Tre turni preliminari passati agevolmente, più complicato l’avvio in Eredivisie. Alla prima giornata i lancieri frenano in casa contro l’Heracles (1-1) mentre alla 6° arriva un pesante K.O. contro il PSV (3-0), unica vera contendente al titolo. Con l’inizio della fase a gironi di Champions, l’Ajax comincia a carburare. In contemporanea con il 2° posto nel gruppo con Bayern Monaco, Benfica e AEK Atene, arrivano ben 10 vittorie di fila, con un complessivo di 42 gol fatti e 3 subiti, conditi dalla splendida vittoria contro i rivali del Feyenoord (3-0) e dalle qualificazioni fino ai quarti di finale di Coppa d’Olanda. Dopo la pausa invernale i lancieri partono ancora in sordina, pareggiando per 4-4 in casa contro l’Herenveen, pareggio poi vendicato in Coppa d’Olanda con la vittoria per 3-1 su questi ultimi che varrà le semifinali. Poi però, il momento più basso della stagione. Al De Kuip, il Feyenoord umilia l’Ajax con un clamoroso 6-2, sconfitta che verrà bissata da un altro K.O. due giornate dopo contro l’Heracles (1-0). Tre giorni più tardi la sconfitta interna contro il Real agli ottavi di Champions (1-2). Il momento è difficilissimo, il PSV è a ben 6 punti di vantaggio ed in Europa serve un miracolo.

Marzo, il mese della svolta

Il mese di Marzo è quello chiave. Dopo aver eliminato il Feyenoord ed aver ottenuto il pass per la finale di Coppa d’Olanda, l’Ajax dà una lezione di calcio al Real Madrid, vincendo per 1-4 e avanzando ai quarti di finale. In campionato non sembra però andare bene, la sconfitta contro l’AZ (1-0) sembra togliere definitivamente i Lancieri dalla lotta al titolo. C’è solo un’ultima speranza, lo scontro diretto contro il PSV alla Johan Cruyff Arena. La squadra di Van Bommel ha 7 punti di vantaggio ed uscendo indenne dallo scontro diretto metterebbe una bella ipoteca sulla vittoria finale. I ragazzi di Ten Hag si impongono però con un grande 3-1 e riaprono i giochi nell’Eredivisie. Da quel giorno, l’Ajax non perderà più una partita, con nel mezzo un’altra grande impresa europea ai danni della Juventus e la clamorosa delusione della semifinale con il Tottenham. In Coppa d’Olanda la finale è poco più di una formalità contro il Willem II, sconfitto con un secco 3-0, mentre in campionato la sconfitta alla penultima giornata del PSV sul campo dell’AZ consegnerà ai Lancieri un titolo che mancava da ben 5 anni. Una squadra che rimarrà nella storia di questo club. Una squadra che ha unito la passione, il divertimento e le delusioni di questo sport. Una squadra che dalle parti dell’Amsterdam Arena non dimenticheranno tanto facilmente.