Viareggio Cup: Il Sassuolo trionfa sull’Empoli ai rigori

Ancora una volta il Sassuolo si conferma un’importante realtà del nostro calcio, i neroverdi aggiornano il Palmares con la Viareggio Cup, il torneo giovanile europeo più importante, vinto in questo pomeriggio dalla squadra emiliana ai danni dei toscani dell’Empoli che ha ceduto solo ai rigori (6-4), dopo un’entusiasmante sfida terminata 2-2.

L’avvio della gara: primo tempo ricco di gol

Inizia molto bene il Sassuolo di Mandelli, che dopo essere andato vicino al vantaggio con Riccardo Scamacca, dopo nemmeno 2 minuti dal fischio iniziale, riesce ad andare in rete con Adjapong al 13′, talento italiano già lanciato in Serie A da Di Francesco. Colpevole anche la retroguardia che regala l’opportunità al Sassuolese, che però è bravo ad insaccarla alle spalle dell’estremo difensore. I Neroverdi si rilassano ed escono dal campo, regalando spazio e occasioni all’Empoli, che al 21′ la pareggia con Zini grazie ad una sua invenzione personale. Non è tutto. I Toscani riescono a ribaltare il risultato anche prima del duplice fischio con un gol di Manicone, che infila un colpevole Costa, che è troppo disattento sul cross dell’ala Empolese Picchi.

Poche Emozioni nella ripresa

Ripresa molto peggiore rispetto al primo tempo, durante la prima mezz’ora non ci sono squilli importanti da parte delle due squadre, ma al 32′ della ripresa l’ex romanista Scamacca la mette dentro su cross di Masetti, addirittura dopo il Sassuolo va vicino al colpo del k.o. con Pierini, che al 40′ calcia addosso al portiere Giacomel, tutto solo in area.

Supplementari e rigori

Poco o nulla nei supplementari, con Sassuolo ed Empoli, che hanno entrambe paura di vincere e rinunciano ad attaccare e che si accontentano della sfida di nervi dagli 11 metri. 11 metri ottimi per l’Empoli, se non fosse per Damiani, attaccante che va per primo sul dischetto e si assume le responsabilità della sconfitta, tirando un cucchiaio orribile, alto sopra la traversa. Il Sassuolo non ne sbaglia uno, così i neroverdi trionfano grazie al rigore decisivo dello stesso Scamacca, autore di un eccellente partita, da vero attaccante.