Tragedia Leicester, la reazione del web

I messaggi di commozione da parte del web per la tragedia del Leicester non si sono fatti attendere. Come ben sappiamo purtroppo l’elicottero del proprietario Vichai Srivaddhanaprabha, si è schiantato fuori al King Power Stadium subito dopo il pareggio contro il West Ham. L’incidente è avvenuto nel parcheggio dello stadio e alcuni testimoni oculari hanno assistito allo schianto, con l’incendio avvenuto subito dopo.

Dai giocatori del Leicester al Principe William, tutti sotto il #prayforleicester

Cade subito all’occhio l’insieme di tutti i messaggi dei giocatori (militanti ora o precedentemente) raccolti in preghiera, come possiamo vedere nella foto seguente.

Dall’eroe dell’impresa del 2016 Vardy al giocatore del Manchester City Mahrez (anche lui protagonista del successo), passando per Maguire.

Oltre i giocatori sono tanti i club che hanno manifestato la loro solidarietà e vicinanza alla società vittima del lutto, affidandosi a messaggi di sostegno e condoglianze sui social.

Nella mattinata seguente all’incidente in elicottero del presidente del Leicester City, molti tifosi delle Foxes hanno deciso di recarsi fuori dal King Power Stadium per portare dei fiori e rendere omaggio a colui che ha permesso loro di sognare.

Anche il Principe William, presidente della Football Association, si è raccolto in preghiera per ricordare Vichai e i quattro passeggeri nello schianto.

“I miei pensieri oggi vanno alla famiglia e agli amici di Vichai Srivaddhanaprabha, e a tutte le vittime del terribile incidente, accaduto fuori dallo stadio del Leicester. Sono stato fortunato ad aver conosciuto Vichai per diversi anni. Ha dato un grande contributo al calcio, non solo nella magica stagione del 2016 che ha toccato il cuore di tutti. Mancherà ai tifosi sportivi, ma non di meno a chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerlo”.

Anche la Premier Theresa May ha voluto inviare un pensiero alle vittime.

“La vastità di questo lutto è la testimonianza di come la vita di molte persone sia stata toccata da quelli che erano a bordo dell’elicottero”.