Torino-Cagliari 2-1

Il posticipo dell’undicesima giornata di campionato di Serie A ha visto affrontarsi Torino e Cagliari allo stadio Olimpico alle ore 20.45.
Il risultato finale è di due reti a una per i granata, nonostante l’ottimo gioco espresso dai sardi.

 

Torino-Cagliari: la sintesi

Alle 20.45 le due formazioni si sono affrontate dando vita a una partita maschia, fisica, muscolare, votata più alla grinta e alla voglia di riscatto che alla tattica.

il Cagliari passa inizialmente in vantaggio grazie a un contropiede finalizzato dall’ottimo Barella, che dimostra sempre di più il suo valore, contropiede che premia la partita d’intelligenza condotta dai sardi, schierati benissimo da Mr. Lopez.

Il Torino cambia pelle sulla fascia sinistra, e Mihajlovic schiera dal 1° di gioco Ansaldi, scelta azzeccata vista anche la promettente intesa con Ljajic, non ha caso il pareggio del Torino arriva da un assist proprio dell’argentino, che sforna cross e giocate come ai tempi di Genova, mentre Ljajic conduce le sue ottime giocate ma si perde nella finalizzazione; Belotti torna in campo e porta quel punto di riferimento in attacco che è mancato nelle ultime giornate ai granata, gli manca il goal ma la prestazione è comunque di rispetto.
Il match lo chiude Obi battendo in rete una palla vacante.

Mr. Lopez consegna le chiavi del centrocampo a Barella e Cigarini, scelta che paga in termini di equilibri, tempi di gioco e ordine in campo, ma il Torino ha più fame e fa sua la partita, complice anche una prestazione non proprio brillante degli attaccanti Farias e Pavoletti, che faticano a trovare le misure per finalizzare le azioni per costruite dal centrocampo.

 

Torino-Cagliari: Obi salva Mihajlovic

Mihajlovic ritrova Belotti e tre punti, che mancavano da troppo tempo in campionato per una squadra che mira alla qualificazione nelle competizioni europee. La panchina per adesso è salva, ma serve chiaramente di più.

Lopez trova il gioco, gli schemi e gli equilibri, ma quasi non si vede la grinta necessaria per competere in Serie A,  salva comunque l’onore giocando una partita di tutto rispetto. La svolta non c’è ancora stata ma la prestazione promette bene, basterà?